1.123 CONDIVISIONI
Australian Open
30 Gennaio 2022
15:12

Immortale Nadal! Trionfa agli Australian Open dopo 5 ore epiche contro Medvedev, è il 21° slam

Rafa Nadal vince un’epica finale contro Daniil Medvedev e conquista 12 anni dopo gli Australian Open. Nadal ha rimontato due set ed ha vinto il 21° titolo Slam della sua carriera.
A cura di Alessio Morra
1.123 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Australian Open

Un immenso Rafa Nadal ha vinto gli Australian Open 2022. Un match epico quello vinto dallo spagnolo che ha rimontato due set a Medvedev e si è imposto dopo oltre 5 ore e 20 minuti di gioco. Nadal vince a Melbourne il 21° titolo Slam della sua carriera, uno in più di Djokovic e Federer. Agli Australian Open Rafa scrive la storia del tennis, anzi la riscrive e si mette davanti a tutti.

Nadal, che ha sconfitto Shapovalov in cinque set nei quarti e Berrettini in semifinale, si presenta in finale a Melbourne per la sesta volta, dopo il successo del 2009 (in cinque set su Federer) ha perso le finali con Djokovic, Wawrninka, Federer e ancora Djokovic. Rafa gioca per la storia, per lo Slam numero 21, Medvedev pure. Perché il russo sa che se vincerà conquisterà il primo posto in classifica, a scapito di Djokovic, che lo batté nella finale degli Australian Open lo scorso anno.

Il vincitore degli ultimi US Open parte alla grande, sa bene che per Nadal è fondamentale vincere il primo set e lo marca stretto, prova a non lasciargli respiro e lo sfianca. Rafa tiene il servizio nel terzo gioco, in un game durato 20 minuti, ma poi è svuotato e velocemente Medvedev porta a casa il primo set con il punteggio di 6-2, strappando due volte a zero il servizio all'avversario.

Nel secondo set Nadal parte bene e ha più di una chance, è bravissimo a sfruttare un momento di distrazione dell'avversario per fare il break, Rafa vola sul 4-1, anche grazie a un cross di rovescio strepitoso con cui ha concluso uno scambio da 40 colpi, ma il russo si rimette a tiro, c'è un altro break che porta Nadal a servire per il set sul 5-3. Il nono game è interminabile, lo spagnolo cancella quattro palle break e manca un setpoint prima del break di Medvedev, si chiude così al tie-break la seconda partita. Nadal anche stavolta si mette avanti, per due volte conquista un minibreak, ma Medvedev è un demonio, e soprattutto oggi è il miglior giocatore al mondo, infila gli ultimi quattro punti e per 7-5 si aggiudica il tie-break.

La montagna da scalare per Nadal è enorme, Medvedev inizia a intravedere il secondo titolo Slam della carriera, che sarebbe anche il secondo di fila. Nel terzo set, nonostante Rafa tenga fede alle sue grandi caratteristiche di lottatore, quasi si attende solo il break decisivo di Medvedev, che manca tre palle break (da 0-40) nel sesto gioco. Ma il break lo fa Nadal, nel nono game, che stavolta capitalizza il break e vince il terzo set, 6-4.

L'intensità del match aumenta nel quarto set. Entrambi sono stanchi, ma vogliono vincere, lottano su ogni punto e regalano spettacolo. Nadal fa il break nel terzo gioco, Medvedev dopo aver chiamato il fisioterapista fa il contro break. Il quinto gioco è lunghissimo ed emozionante, Rafa conquista sette palle break, l'ultima è quella buona. Allo scoccare delle 4 ore Nadal con uno smash cerca di neutralizzare la rincorsa del fortissimo russo che arriva due volte al breakpoint, ma non riesce a rimettersi in parità. A Melbourne i tifosi impazziscono per emozioni e spettacolo.

Il calore dei tifosi è più stadio di calcio che da tennis c'è chi fa la ‘ola', la tensione è enorme, il livello di gioco è sempre alto. L'arbitro con baffetto John Blom fatica a contenere il pubblico. Nadal ottiene il break nel quinto gioco con un lungo linea strepitoso. Rafa fa una fatica enorme a mantenere il vantaggio, cancella tre palle break a un Medvedev ritrovato soprattutto a livello fisico. Nadal serve per il match sul 5-4 30-0 è a due punti dal match e dalla storia, ma si incarta, commette un doppio fallo e lascia spazio a Medvedev che non si lascia pregare ed è break: 5-5. Medvedev però non è lucido, lascia un po' spazio a Nadal che si riprende il break e va a servire per il match sul 6-5 e non sbaglia un colpo. Rafa chiude 7-5 e vince il 21° Slam.

1.123 CONDIVISIONI
110 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni