A Melbourne Nole Djokovic è stato più forte anche di un infortunio muscolare, è uscito vincitore di match sofferti (su tutti quello con Fritz) prima di veleggiare e vincere per la nona volta gli Australian Open. In finale con Medvedev, che pure era reduce da venti vittorie consecutive, non c'è stata storia. Tre set a zero. Un successo netto e Slam numero 18 per il serbo che ora mentre si ferma per un piccolo break può iniziare a pensare al suo futuro e soprattutto ai record che batterà e a quelli che potrà battere.

Settimane al vertice della classifica ATP, Djokovic supera Federer

Lunedì 8 marzo sarà un giorno storico per il tennis. Perché il tennista serbo inizierà la 311esima settimana da numero 1 del mondo e supererà così le 310 di Roger Federer, che a sua volta circa tre anni fa aveva fatto meglio di Pete Sampras. Un record eccezionale, simbolo di grande longevità tennistica al livello più alto per Nole, che sarà al vertice della classifica mondiale ancora molto a lungo e potrà incrementare e rendere forse quasi imbattibile il record di settimane al vertice della classifica ATP.

Il record di Slam vinti di Federer e Nadal

Djokovic ha trionfato in 18 prove del Grande Slam (9 Australian Open, 1 Roland Garros, 5 Wimbledon, 3 US Open) e si è rimesso nella scia di Roger Federer e Rafa Nadal, che ne hanno conquistati 20. Dopo aver vinto su Medvedev, con una dichiarazione di prammatica Nole ha detto che i suoi storici rivali hanno la possibilità di vincere ancora degli Slam. Sicuramente è così, ma gli anni naturalmente passano anche per loro e il sorpasso potrebbe arrivare già quest'anno o al massimo nel 2022.

Il sogno di Nole: il Grande Slam

L'ultimo a riuscirci tra gli uomini è stato il mito Rod Laver. Djokovic come Federer e Nadal è stato capace di vincerne anche tre di Slam (su quattro) nello stesso anno. Ora pure se non lo dirà mai, ma di sicuro pensa al colpo grosso. Vincere quattro Slam uno in fila all'altro è un'impresa titanica, ancora di più in una stagione come questa, in cui le incognite sono tante e il primo Major è finito nella seconda metà di febbraio, ma non ci sarebbe niente di meglio per Djokovic. Realizzare lo Slam e superare Roger e Rafa. In un sol colpo diventerebbe lui, probabilmente e numeri alla mano, il migliore di sempre.

Numero 1 dei numeri 1

C'è un altro record da battere per Djokovic: quello delle stagioni chiuse al numero 1. Il serbo lo scorso anno ha eguagliato il primato di Pete Sampras. Entrambi sono stati al numero 1 delle classifiche mondiali al termine della stagione, anche se l'americano c'è stato per sei anni consecutivi. Dovesse essere il numero 1 anche a fine stagione Nole si prenderebbe in solitudine pure questo primato.