79 CONDIVISIONI

Respinto il ricorso Ferrari sulla penalità di Sainz a Melbourne: “Nessun nuovo elemento rilevante”

La Ferrari si è visto respingere il diritto di revisione chiesto per la penalità comminata dai Commissari FIA a Carlos Sainz nel GP d’Australia della Formula 1 2023: le prove portate dalla scuderia del Cavallino non fanno cambiare idea agli stewards sull’incidente con Alonso.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Michele Mazzeo
79 CONDIVISIONI
Immagine

Nessuno stravolgimento in Formula 1, dopo 17 giorni la classifica del GP d'Australia, terzo round del Mondiale 2023, resta invariata. La richiesta di revisione presentata dalla Ferrari riguardo alla penalità comminata dai Commissari FIA a Carlos Sainz al termine della folle gara di Melbourne non è infatti stata accolta con lo spagnolo che dunque resta dodicesimo nell'ordine d'arrivo della gara australiana.

Il driver madrileno, che aveva tagliato il traguardo in quarta posizione nella caotica gara conclusasi dietro la safety car, si era infatti visto retrocedere al 12° posto nella classifica finale (e quindi fuori dalla zona punti) per una penalità di cinque secondi inflitta dagli Steward che lo hanno ritenuto responsabile del contatto con l'Aston Martin di Fernando Alonso in occasione della seconda ripartenza da fermo dopo la bandiera rossa (poi di fatto annullata dalla terza sospensione della corsa a seguito dei diversi incidenti andati in scena in quell'occasione).

Immagine

Carlos Sainz aveva subito sfogato la sua rabbia prima in radio e poi in diretta TV per quella sanzione, ma nell'immediato la Ferrari non ha presentato alcun ricorso. Solo cinque giorni dopo (il 6 aprile) infatti la scuderia di Maranello, appellandosi Articolo 14 del Codice Sportivo Internazionale della FIA, ha presentato una richiesta di revisione della decisione dei Commissari Sportivi adducendo nuovi elementi che, secondo gli uomini del Cavallino Rampante, scagionerebbero il proprio pilota.

Nella mattina del 18 aprile il Collegio dei Commissari Sportivi del GP d'Australia ha ascoltato le ragioni della Ferrari e ha valutato che le nuove prove addotte da quest'ultima a discolpa di Carlos Sainz non sono significative, nuove e rilevanti e pertanto non possono effettivamente permettere la revisione della decisione presa dai Commissari FIA sul momento.

Immagine

Bocciato dunque il "right of review" della Ferrari: l'investigazione sull'incidente tra Sainz e Alonso non verrà riaperta e non verrà dunque discussa in una nuova udienza. Il Collegio dei Commissari FIA difatti ha stabilito che le nuove prove portate dalla scuderia di Maranello non sono talmente significative e rilevanti da rimettere in discussione la penalità comminata a Sainz a Melbourne nell'immediato.

L'ordine d'arrivo del GP d'Australia della F1 2023 con la penalità a Sainz

  1. Max VERSTAPPEN
  2. Lewis HAMILTON +0.179
  3. Fernando ALONSO +0.769
  4. Lance STROLL +3.082
  5. Sergio PEREZ +3.320
  6. Lando NORRIS +3.701
  7. Nico HULKENBERG +4.939
  8. Oscar PIASTRI +5.382
  9. Guanyu ZHOU +5.713
  10. Yuki TSUNODA +6.052
  11. Valtteri BOTTAS +6.513
  12. Carlos SAINZ +6.594
  13. Pierre GASLY ritirato
  14. Esteban OCON ritirato
  15. Nyck DE VRIES ritirato
  16. Logan SARGEANT ritirato
  17. Kevin MAGNUSSEN ritirato
  18. George RUSSELL ritirato
  19. Alexander ALBON ritirato
  20. Charles LECLERC ritirato
79 CONDIVISIONI
Red Bull subito dominante nei test F1, niente miracoli per la Ferrari SF-24: cosa è successo
Red Bull subito dominante nei test F1, niente miracoli per la Ferrari SF-24: cosa è successo
Ferrari F1 2024, le foto della nuova SF-24: Sainz in pista a Fiorano con la nuovo monoposto
Ferrari F1 2024, le foto della nuova SF-24: Sainz in pista a Fiorano con la nuovo monoposto
La reazione di Carlos Sainz all’annuncio di Hamilton in Ferrari: un messaggio immediato
La reazione di Carlos Sainz all’annuncio di Hamilton in Ferrari: un messaggio immediato
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni