Anche Alessio Salucci è risultato positivo al Covid-19. Lo storico collaboratore di Valentino Rossi, responsabile VR46 e Sky Racing Team, è in quarantena. Dopo il Dottore, che a causa del coronavirus ha dovuto saltare il GP di Aragon, decimo appuntamento del Mondiale 2020 di MotoGP, dunque anche "Uccio", questo è il nome con cui è conosciuto nel paddock e dagli appassionati di motociclismo, ha contratto il coronavirus ed è stato posto in isolamento a Tavullia.

Lo storico amico e braccio destro di Valentino Rossi dopo il GP di Francia disputatosi a Le Mans lo scorso week end era rientrato in Italia insieme al nove volte campione del mondo con un volo privato per festeggiare il compleanno della fidanzata del pilota 41enne Francesca Sofia Novello che lo scorso 13 ottobre ha compiuto 27 anni. Il sospetto è che i due abbiano contratto il virus proprio in occasione della festa di compleanno della dolce metà del centauro marchigiano.

Ad evidenziare tale ipotesi è stato il pilota della KTM Pol Espargaró che dopo l'annuncio della positività di Valentino Rossi aveva dichiarato: "Ognuno ha la responsabilità personale di riconoscere che il rischio esiste. Chi vuole correre non può andare a compleanni o feste private. A casa non vedo amici, né frequento ristoranti o altro. Sono solo con mia moglie e mia figlia, prendo precauzioni estreme. Mi lavo le mani 30 volte al giorno e indosso sempre una mascherina". Un messaggio quello del catalano che non lascia spazio ad interpretazioni. Se così fosse l'ormai famosa "bolla" della MotoGP che finora ha permesso di disputare il Mondiale 2020 comincia a scricchiolare.