615 CONDIVISIONI
12 Gennaio 2022
16:47

Il Mondiale di Formula 1 2021 non finisce mai: Masi e Tombazis tagliati dalla FIA

Michael Masi e Nikolas Tombazis, ritenuti responsabili del finale convulso del GP di Abu Dhabi che ha deciso il Mondiale di Formula 1 2021, non compaiono più nel nuovo organigramma della FIA.
A cura di Michele Mazzeo
615 CONDIVISIONI

Nonostante sia passato un mese, il controverso finale del GP di Abu Dhabi che ha deciso la lotta per il titolo Mondiale di Formula 1 2021 tra Lewis Hamilton e Max Verstappen in favore di quest'ultimo fa ancora discutere. Dopo la notizia che il pilota britannico, ancora in silenzio da allora, avrebbe legato la decisione sul suo futuro (ritiro immediato dalla F1 o continuare a correre anche nel campionato 2022) all'esito delle indagini della FIA riguardo a quanto avvenuto durante quei concitati giri finali dell'ultima gara dello scorso Mondiale, in particolare in merito alla controversa decisione presa dal direttore di gara Michael Masi di far riprendere la gara per un ultimo giro dopo la safety car nonostante non tutti i piloti doppiati si fossero sdoppiati.

E adesso, riguardo a ciò, sembra essere arrivata una prima risposta indiretta da parte della Federazione Internazionale che nel frattempo ha cambiato la sua governance con l'ex presidente Jean Todt che terminato il suo terzo mandato ha lasciato il posto al neo eletto Mohammed Bin Sulayem. Nel nuovo organigramma della FIA, riorganizzato dopo le recenti elezioni, infatti alla voce monoposto non compaiono più i nomi del contestato direttore di gara della Formula 1 Micheal Masi e del responsabile tecnico FIA in F1 Nikolas Tombazis che invece fino all'ultimo aggiornamento dell'organigramma federale comparivano come responsabili alla voce "monoposto".

Nel nuovo organigramma la Commissione Monoposto è invece affidata momentaneamente al già segretario generale per il motorsport FIA, Peter Bayer, per quello che quindi sembra essere un incarico ad interim in attesa di nuove nomine. Questa mossa della nuova governance FIA sembra dunque un primo passo per quella riorganizzazione da tempo richiesta a gran voce da team e piloti per ottenere la garanzia di una maggiore uniformità tra le decisioni prese.

Adesso bisognerà solo capire se il taglio dei due uomini della Federazione ritenuti responsabili del finale convulso del GP di Abu Dhabi (Masi e Tombazis) che, come ammesso dalla stessa FIA nel momento in cui ha aperto la sua inchiesta, "rischia di danneggiare l'immagine della F1", rientrava già nei piani della nuova governance oppure sia la risposta che Hamilton e la Mercedes attendevano fin da quando hanno deciso di non presentare ricorso alla corte d'appello del Tribunale Federale dopo l'aspro scontro nell'immediato post gara di Abu Dhabi.

615 CONDIVISIONI
Alta tensione in Formula 1, il nome dell'infiltrato sbattuto in faccia a Wolff:
Alta tensione in Formula 1, il nome dell'infiltrato sbattuto in faccia a Wolff: "Manipoli la FIA"
Improvvisa modifica al programma del prossimo GP di Formula 1: cambia il format a Mondiale in corso
Improvvisa modifica al programma del prossimo GP di Formula 1: cambia il format a Mondiale in corso
Come nasce il sortilegio del
Come nasce il sortilegio del "Muro dei campioni", la curva più temuta del Mondiale di Formula 1
Classifica piloti
Classifica costruttori
Pos.
Pilota
Team
Punti
1
M. Verstappen Red Bull
Red Bull
175
2
S. Pérez Red Bull
Red Bull
129
3
C. Leclerc Ferrari
Ferrari
126
4
G. Russell Mercedes
Mercedes
111
5
C. Sainz Ferrari
Ferrari
102
Pos.
Team
Punti
1
Red Bull
304
2
Ferrari
228
3
Mercedes
188
4
McLaren
65
5
Alpine
57
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni