La Mercedes è molto attenta alle dinamiche che si sviluppano intorno alle piste e quelle che riguardano la vita di tutti i giorni. La scuderia campione del mondo in carica questa mattina ha presentato attraverso i propri canali social la nuova livrea per la stagione 2020 e la differenza con il passato è subito evidente: la squadra anglo/tedesca ha abbandonato l’argento tradizionale per utilizzare il colore nero e prendere parte in prima persona alla lotta contro la discriminazione razziale. La Mercedes ha deciso di scendere in campo direttamente per sostenere il movimento Black Lives Matter che ha fatto sentire la sua voce in tutto il mondo nelle ultime settimane dopo l'uccisione di George Floyd a Minneapolis mentre veniva arrestato da quattro agenti di polizia che ha riacceso la luce sulle discriminazioni.

La colorazione della nuova W11 che verrà utilizzata da Lewis Hamilton e Valtteri Bottas a partire dal 5 luglio con il Gran Premio d’Austria è stata pubblicata pochi minuti fa e in allegato c'era anche una breve dichiarazione del team: "Vi presentiamo la nuova livrea del team. Un impegno per implementare la diversità nella squadra e nel nostro sport. È un segnale dell’impegno del team nella lotta contro il razzismo e la discriminazione in tutte le sue forme". In merito a questa iniziativa si è espresso anche Toto Wolff, Team Principal e amministratore delegato di Mercedes-AMG Petronas F1, che ha dichiarato:

Razzismo e discriminazione non hanno posto nella nostra società, nel nostro sport o nel nostro team: questa è una convinzione fondamentale per Mercedes. Ma avere le giuste convinzioni e la giusta mentalità non è sufficiente se rimaniamo in silenzio. Vogliamo usare la nostra voce e la nostra piattaforma globale per parlare a favore del rispetto e dell'uguaglianza, e la Freccia d'Argento correrà in nero per l'intera stagione 2020 per dimostrare il nostro impegno a favore di una maggiore diversità all'interno della nostra squadra e del nostro sport.

Pochi minuti dopo l'annuncio è arrivata anche la reazione di Lewis Hamilton che ha utilizzato l'emoticon delle "mani alzate" per ringraziare la sua scuderia per questo segnale importante. A seguito del lancio di questa iniziativa il pilota inglese ha dichiarato:

È molto importante capire questo momento e utilizzarlo per educare noi stessi, sia che si tratti di un individuo, di un marchio o un'azienda e che si possano apportare cambiamenti reali e significativi quando si tratta di garantire l'uguaglianza e l'inclusione. Ho vissuto personalmente il razzismo nella mia vita e ho visto la mia famiglia e i miei amici sperimentare il razzismo. E parlo con il cuore quando faccio appello al cambiamento. Quando ho parlato con Toto delle mie speranze sui progetti che avremmo potuto realizzare come team, ho detto anche che è importante rimanere uniti. Vorrei ringraziare enormemente Toto e tutto il Consiglio d'Amministrazione della Mercedes per aver trovato il tempo di ascoltare, di parlare e di capire veramente le mie esperienze, la mia passione, e per aver fatto questo passo avanti così importante.