A chiudere la conferenza stampa della vigilia del GP d'Austria, il campione del mondo di Formula 1 in carica Lewis Hamilton insieme all'altro pilota Mercedes Valtteri Bottas. Il britannico ha di fatto "bocciato" la Ferrari apparsa molto indietro nei test di Barcellona. Il sei volte campione del mondo ha infatti designato la Red Bull e Max Verstappen come gli avversari più accreditati nella lotta al titolo iridato.

La Red Bull è sembrata la vettura più vicina a noi – ha esordito Lewis Hamilton -, Max (Verstappen, ndr) sta crescendo di anno in anno, sarà un avversario sempre più duro e in Austria ha vinto le ultime due gare, sono curioso di vedere come andranno in queste prime due gare”. Mentre sul tema "calendario ridotto" il 35enne di Stevenage ha dichiarato: "Non è diverso rispetto al passato, è sempre una maratona come in passato, ci sono tante gare seppur condensate in un periodo più breve, avremo pressione diversa in circostanze diverse ma ciò che conta è tornare a lavorare".

Ci ha pensato invece Valtteri Bottas a ricordare la Ferrari, "snobbata" dal compagno di scuderia: “Nei test la Red Bull è andata fortissimo e la Ferrari sarà lì come sempre. Speriamo di poter lottare per la vittoria qui in Austria, al momento sono tutte congetture e tutte le vetture saranno cambiate rispetto a Melbourne” ha detto infatti il finlandese che ha poi anche sottolineato che con un Mondiale ridotto “bisognerà capire la macchina da subito e soprattutto bisognerà scegliere in fretta e in maniera efficace come svilupparla”.