Con il "DL Semplificazioni" il Parlamento ha introdotto una disposizione che consente di snellire e semplificare le procedure per la sostituzione decennale dei serbatoi di GPL e metano degli autoveicoli, favorendo così la conversione delle automobili. Questa legge denominata "Misure urgenti per la semplificazione e l'innovazione digitale" (GU n.228 del 14-9-2020) permette dunque al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di poter modificare con decreto ministeriale l'articolo 78 del Codice della Strada e andare quindi ad apportare dei cambiamenti costruttivi alle modalità previste oggi per l’aggiornamento necessario della Carta di Circolazione quando si installa in auto un impianto GPL o a metano e nonché l'obbligo decennale della sostituzione del serbatoio,  semplificando così di fatto la conversione di auto a GPL e metano.

DL Semplificazioni: istallazione e sostituzione impianto GPL o Metano più facile

La proposta è articolata su di un arco temporale che va dagli ultimi mesi dell'anno in corso sino a tutto il 2023 e riguarda un potenziale bacino di oltre 15 milioni di auto. In parole povere si potrà anche procedere alla installazione di un impianto a gas o alla sostituzione del serbatoio GPL senza dover effettuare la visita e prova alla presenza di un funzionario della Motorizzazione civile (come ha previsto fino ad oggi l'art. 78 del Codice della Strada). Con questa modifica si supereranno dunque quei ritardi nelle attività di verifica e prova presso le Motorizzazioni con le infinite liste d'attesa che ritardano tale operazione in media di un anno.

In attesa del decreto attuativo: le officine autorizzate potrebbero svolgere anche le operazioni amministrative

L'adozione di tale decreto non è ancora avvenuta, ma dovrebbe avvenire in tempi brevi. Con questa semplificazione il nuovo articolo 78 del Codice della Strada dovrebbe consentire alle autofficine appositamente equipaggiate ed attrezzate di poter svolgere le operazioni anche amministrative connesse alla sostituzione dei serbatoi (come avviene per la revisione). Lo scopo di queste semplificazioni è  infatti quello di facilitare l'uso dell'alimentazione a gas per i cittadini che potranno risparmiare ottenendo vantaggi economici sul rifornimento ma riducendo anche le emissioni nocive nell’aria. I benefici che dunque apporterebbe questa novità sono molti sia per i proprietari di auto, per le officine che fanno le conversioni e per le varie industrie del GPL (di cui l’Italia è leader a livello mondiale). Per fare ciò serve però ancora il decreto attuativo che istituisca le nuove procedure semplificate.