La designazione arbitrale di Juventus-Milan sta facendo molto discutere, soprattutto in casa rossonera. La scelta di affidare il big match che mette in palio punti pesantissimi per la Champions al fischietto capitolino, ha sollevato molte perplessità tra i tifosi milanisti alla luce di precedenti tutt'altro che "positivi". Dal confronto in Coppa Italia della scorsa annata, fino agli episodi relativi a questo campionato, con il "cartellino facile" di Valeri nei confronti dei giocatori del Milan.

Valeri arbitro di Juventus-Milan, i precedenti

Paolo Valeri dirigerà Juventus-Milan in programma domenica sera all'Allianz Stadium, con il supporto dei guardalinee Giallatini e Peretti, con quarto uomo Sacchi e al Var Calvarese e Paganessi. Una partita che l'arbitro capitolino ha diretto in due precedenti, il primo risale al 2017, quando i bianconeri s'imposero a San Siro per 2-0 grazie ad una doppietta di Higuain, e l'altro più recente è quello della semifinale d'andata della Coppa Italia 2019/2020, finita 1-1 in virtù dei gol di Rebic e Ronaldo. Un match in cui l'operato di Valeri alimentò non poche polemiche tra i rossoneri.

In primis il Milan protestò a lungo per la gestione dei cartellini, che pesò poi in chiave diffidati (basti pensare a Ibrahimovic), con l'espulsione di Hernandez e il calcio di rigore concesso ai bianconeri per un intervento con il braccio di Calabria su Cristiano Ronaldo. In particolare i tifosi puntarono il dito contro la disparità di trattamento in occasione di un tocco con il braccio di Alex Sandro su Calhanoglu in occasione del match di campionato.

Le tante espulsioni di Valeri nelle partite del Milan

A proposito di cartellini, i numeri parlano chiaro: nelle 33 partite dirette del Milan (20 vittorie, 8 sconfitte, 5 pareggi) Valeri ha espulso 13 giocatori del Milan fischiando a loro favore 5 rigori. 34 invece le partite dirette della Juventus (19 vittorie bianconere, 10 pareggi e 5 sconfitte), con una sola espulsione per doppio giallo e 10 rigori a favore.

In questa annata poi Valeri ha fatto discutere per le due partite dirette del Milan in Coppa Italia tra ottavi e quarti di finale. Prima contro il Torino ha espulso Gigio Donnarumma dalla panchina, per proteste, impedendogli di fatto di giocare la sfida successiva ovvero il derby di Milano. Un confronto reso celebre dal faccia a faccia Lukaku-Ibrahimovic, con lo svedese espulso per doppio giallo, dopo un intervento a centrocampo. Anche il penalty poi concesso all'Inter per un intervento di Leao su Barella non è stato digerito dai milanisti che hanno accusato l'interista di aver accentuato il contatto. Una serie di episodi che hanno alimentato non poche polemiche, la designazione arbitrale in vista di Juve-Milan, con Valeri che sarà l'osservato speciale del match.