La Roma non ci sta. Il club capitolino attraverso una nota ufficiale ha annunciato che presenterà ricorso contro la decisione del giudice sportivo che ha inflitto alla squadra di Fonseca la sconfitta 0-3 a tavolino nella prima giornata di campionato contro il Verona. Un verdetto legato all'errore nell'inserimento nella lista dei convocati di Amadou Diawara. La società giallorossa ha già le idee chiare sulla strategia difensiva e spera di commutare la sconfitta d'ufficio con una multa.

Roma, ufficiale il ricorso contro lo 0-3 a tavolino

"L'AS Roma presenterà reclamo contro la decisione del giudice sportivo, che ha decretato la sconfitta per 0-3 dei giallorossi nella partita contro il Verona, conclusasi sabato 19 settembre con il risultato di 0-0". Con queste parole il club del neo-presidente Friedkin ha annunciato ufficialmente il ricorso nei provvedimenti del giudice sportivo per il caso Diawara in occasione della sfida valida per la 1a giornata di campionato contro il Verona.

La Roma è stata punita dal giudice sportivo a seguito di un errore legato ad Amadou Diawara. Il centrocampista ex Bologna e Napoli infatti è stato inserito nella lista dei giocatori per la trasferta di Verona tra gli Under 22, nonostante i 23 anni compiuti lo scorso luglio. Il calciatore sarebbe dovuto finire tra gli over, per una situazione che non è sfuggita agli ufficiali di gara, con i giallorossi che hanno perso il punto conquistato sul campo.

Un provvedimento inevitabile dunque a termini di regolamento ma che la Roma vuole impugnare attraverso il ricorso. La società capitolina vuole fare riferimento al fatto di avere comunque avuto quattro posti tra gli over ancora liberi e quindi di non aver voluto commettere alcuna frode. Per la Roma si sarebbe trattato solo di una svista legata anche al fatto dell'organico ridotto alla luce del mercato. Il tutto con la speranza magari di annullare la sconfitta a tavolino e pagare in sostituzione una multa sostanziosa.