Maurizio Pochettino è positivo al Covid-19. L'allenatore del Paris Saint-Germain, che da poche settimane è alla guida della squadra al posto di Thomas Tuchel, è risultato contagiato in seguito all'ultimo giro di tamponi effettuati dal club transalpino. A dare la notizia ufficiale è stata la stessa società capitolina alla vigilia della partita di campionato contro l'Angers (20sima del giornata di andata di Ligue 1). "Il tecnico – si legge nella nota del Psg – rispetterà l'isolamento e i suoi collaboratori Jesus Perez e Miguel D'Agostino guideranno la squadra nella trasferta".

Il caso di positività dell'allenatore argentino, ex manager del Tottenham, alimenta preoccupazione e soprattutto il timore di trovarsi di fronte a un focolaio nel campionato francese. Il motivo? È da ricercare nella positività al coronavirus dei calciatori del St. Etienne e, più in generale, all'evoluzione della pandemia in territorio francese. A due giorni dalla trasferta di Strasburgo, infatti, la società ha comunicato una serie di casi sospetti emersi in seno alla rosa: "numerosi casi di positività" è l'espressione adottata per spiegare cosa sta accadendo.

Il protocollo medico della Ligue 1 (parzialmente diverso rispetto agli altri campionati europei sotto l'egida della Uefa) ha indicazioni molto chiare relativamente alla procedura da seguire per andare regolarmente in campo: perché si giochi è necessario che una squadra abbia a disposizione almeno 20 giocatori, come già accaduto per Lorient-Digione. Ecco perché, almeno per adesso, la partita di campionato del St. Etienne resta in calendario per domenica prossima alle ore 15. La novità nella programmazione dei match è un'altra: il 17 febbraio (ore 21) ci sarà il fischio d'inizio tra Olympique Marsiglia e Nizza, la partita che era stata rinviata il 17 novembre scorso sempre a causa dei casi di positività al Covid.