Tottenham-Everton è una delle partite più intriganti del week-end della Premier League. Al New White Hart Lane andrà in scena l’incrocio tra due squadre che avrebbero bisogno di un miracolo per strappare la qualificazione all’Europa, distanti tra loro solo un punto. Alla vigilia del match José Mourinho ha speso parole bellissime per Carlo Ancelotti e si è detto pronto a non rispettare le regole sul distanziamento sociale per abbracciare il manager italiano

José Mourinho nella conferenza stampa della vigilia di Tottenham-Everton si è lasciato andare ad un vero e proprio elogio di Carlo Ancelotti. Parole bellissime quelle del portoghese nei confronti dell'ex allenatore del Napoli, che è stato il suo successore nelle esperienze al Chelsea prima, e al Real Madrid poi: "Penso che tutti nel calcio ammirino Carlo Ancelotti come allenatore e come persona. Non è perché mi piace così tanto come persona che sto per dire l'ovvio: ovvero che è che è uno dei top manager del mondo negli ultimi due decenni e, che naturalmente penso sia un privilegio per la Premier League per riaverlo sulla panchina di un club. Qualche ufficio in una delle sue case è pieno di coppe, quindi non ha bisogno di nessuno che parli di lui".

Un professionista esemplare, un vincente, ma anche una persona speciale. José Mourinho è rimasto letteralmente stregato da Carlo Ancelotti. In occasione di Tottenham-Everton, lo Special One non ha nessuna intenzione di mantenersi a distanza di un metro, come da protocollo, ma è pronto ad infrangere le regole per dare il bentornato in Premier al collega: "Come persona ho avuto il privilegio di conoscerlo anni fa Carlo e lo adoro che sia un ragazzo fantastico. Penso che infrangerò le regole. Ora si deve stare ad un metro di distanza? Infrangerò le regole e lo abbraccerò perché mi piace molto Carlo".