Miralem Pjanic è il primo colpo di mercato del Barcellona per la prossima stagione. Il centrocampista che farà il percorso inverso a quello di Arthur, acquistato dalla Juventus, ha salutato il club bianconero (in cui resterà comunque fino a fine stagione) con bellissime parole. Nostalgia per la conclusione della sua avventura torinese, ma grandi stimoli per l'approdo in blaugrana. Nella prima intervista da neoacquisto del Barça, Pjanic ha parlato di "sogno che si realizza".

Pjanic, la prima intervista da neoacquisto del Barcellona

Il futuro di Miralem Pjanic è blaugrana. Il centrocampista classe 1990 si è legato ufficialmente al Barcellona per le prossime quattro stagioni. Valutazione di 60 milioni di euro più bonus da cinque milioni per l'ex di Lione e Roma che avrà una clausola rescissoria da addirittura 400 milioni di euro. Lasciare Torino, città a cui è molto legato e in cui è cresciuto il figlio Edin non è semplice per Mire che però guarda avanti, alla sua nuova esperienza professionale al Camp Nou. Dopo aver giocato con Cristiano Ronaldo, Pjanic avrà modo di condividere lo spogliatoio anche con l'altro fenomeno del calcio internazionale ovvero Leo Messi.

Una prospettiva intrigante per il calciatore che al sito della Federcalcio bosniaca ha rilasciato la prima intervista da neo-blaugrana: "Il Barcellona è uno dei più grandi club del mondo e farne parte è il gradino più alto per qualsiasi calciatore. Per me un sogno è diventato realtà.  Sono felice, orgoglioso, non solo per me stesso ma anche per i miei genitori e per tutta la Bosnia-Erzegovina. Non dimentico mai da dove ho iniziato". Il Barcellona è un punto d'arrivo dunque per Pjanic pronto a dare tutto sé stesso per il suo nuovo club. Il centrocampista non vede l'ora, alla fine della sua stagione con la Juventus di calcare il terreno di gioco del Camp Nou: "Il successo non arriva da solo, ma con un grande lavoro, uno sforzo e la sicurezza che tutto può essere raggiunto nella vita.  E questa è una prova. Ho una grande voglia di andare al Camp Nou"