Il mercato di gennaio ha restituito a Stefano Pioli una squadra rinforzata in quasi tutti i reparti, e soprattutto liberata da giocatori che in questi ultimi mesi erano diventati più un problema che una risorsa per il tecnico rossonero. Via Suso e Piatek, ormai ai margini del progetto rossonero. Via anche Rodriguez (in prestito) finito al Psv perché ormai chiuso da Theo Hernandez. Gli ultimi colpi in entrata il Milan li ha ufficializzati negli ultimi minuti: si tratta di Alexis Saelemaekers e del rientrante Diego Laxalt. Giornata molto particolare per Antonee Robinson che è sbarcato a Milano in mattinata per sottoporsi alle visite mediche presso il centro ‘La Madonnina' e poi non è stato acquistato per un supplemento di visite che non sarebbe arrivato prima della chiusura delle trattative.

Saelemaekers nuova freccia per l'attacco

Alexis Saelemaekers è un esterno d'attacco di piede destro, prelevato dall'Anderlecht e con alle spalle anche qualche presenza nell'Under 21 belga. Sarà per Pioli un vice Castillejo e anche lui, come Robinson, è arrivato in Italia con la formula del prestito con diritto/obbligo di riscatto fissato intorno ai 7/8 milioni di euro.

Robinson, accordo saltato per le visite mediche

È saltato l'affare che avrebbe dovuto portare Antonee Robinson al Milan. L'esterno americano classe 1997 resta dunque in Inghilterra e al suo posto è stato richiamato dal prestito dal Torino Diego Laxalt. Questo il comunicato del Wigan:

Il difensore del Wigan Athletic Antonee Robinson rimarrà al DW Stadium dopo che il suo trasferimento all'AC Milan non è stato completato. Robinson, 22 anni, si è recato a Milano questa mattina dopo che i due club avevano concordato una commissione per il trasferimento definitivo giovedì sera.

Il calciatore americano è stato sottoposto a visite mediche da parte del Milan ma erano necessari ulteriori test medici che avevano una scadenza di 72 ore. Pertanto, l'accordo non poteva essere ratificato prima della chiusura della sessione di trasferimenti in Italia delle ore 20:00 di venerdì.