La Lazio ha stravinto il derby con la Roma, si è imposta per 3-0 e si è riproposta in zona Champions. Agganciate Napoli e Atalanta e a vista ci sono Juventus e Roma (davanti di tre lunghezze). Simone Inzaghi la stracittadina l'ha preparata molto bene ed ha fatto festa con i gol di Ciro Immobile e Luis Alberto. Le reti del bomber non sono mai mancate, l'apporto dello spagnolo invece in avvio di stagione è stato a fasi alterne. Ma da quando il numero 10 è tornato su altissimi livelli, e i suoi sono davvero alti, la Lazio è tornata quella della prima parte dello scorso campionato. Troppo tardi per sognare l'obiettivo massimo, ma il posto in Champions si può raggiungere e anche il Bayern campione d'Europa tanto tranquillo non può stare.

Avvio condizionato dal contagio al Covid

Senza voler essere retorici, ma chi indossa la maglia numero 10 in una squadra ha sempre qualcosa in più degli altri. E quando il 10 ti manca, o da un apporto minore allora ovviamente la squadra stessa perde qualcosa. Luis Alberto nella prima parte del campionato ha faticato, anche per via del contagio al Covid-19, che gli ha impedito di giocare due delicate partite di Champions e una gara (pazza) con il Torino.

Luis Alberto torna grande e la Lazio cresce

La forma l'ha riacquistata e pian piano si è ripreso il ruolo importante nella Lazio. D'altronde ogni squadra pensa di avere dei supereroi e a Batman (Ciro Immobile) serve Robin (Luis Alberto). Lo spagnolo ha chiuso il 2020 alla grande. Lo ha fatto segnando due gol, uno al Napoli e l'altro al Milan (inutile ai fini del risultato). Alla squadra di Gattuso ha segnato con un gran tiro dalla distanza. Una specialità che nel calcio di oggi sembra quasi scomparsa. In pochi ci provano, in pochissimi riescono a fare gol da lontano. Poi meglio ancora nel 2021 con un gol contro il Parma e soprattutto due nel derby, il primo bello, tiro pulito dall'interno dell'area di rigore, poi nella ripresa, altra grande conclusione dalla distanza e 3-0. Inzaghi scala la classifica e pensa a grandi traguardi, ha la possibilità di raggiungerli se Luis Alberto continuerà a giocare così bene.