La marcia della Lazio verso la vetta della classifica procede spedita. Con l'eventuale successo nel recupero di domani, i biancocelesti arriverebbero infatti a sole due lunghezze dalla capolista Juventus: un obiettivo che, ad oggi, è assolutamente alla portata dei ragazzi di Simone Inzaghi. "Sarà una partita importante e in palio ci sono tre punti preziosi per la nostra classifica, ma mancano ancora tante gare – ha spiegato il mister laziale in conferenza stampa – Stiamo vivendo un buon momento ma pensiamo partita dopo partita. Dobbiamo restare spensierati e umili, con la Spal abbiamo vinto ma non è stato affatto semplice".

Le ambizioni della Lazio

A tentare di frenare la corsa di Immobile e compagni ci sarà l'Hellas Verona, che solo pochi giorni fa ha fatto tremare il Milan a San Siro: "Non sarà una partita semplice perché il Verona è la sorpresa del campionato e ha meritato tutti i punti ottenuti. Confidiamo nel nostro stadio e nel nostro pubblico, domenica ci siamo trascinati a vicenda. Obiettivo Scudetto? La squadra ha la giusta consapevolezza, serve però restare sempre umili, ogni gara in Serie A è insidiosa. Una partita non cambia gli obiettivi, e dopo quella di domani avremo altre 16 gare – ha aggiunto Simone Inzaghi – Servirà una prestazione di livello contro un avversario da rispettare. L'Hellas è una squadra organizzata".

Le condizioni di Correa e Cataldi

A margine dell'allenamento odierno, il tecnico ha poi fatto il punto sugli infortunati: "Domani saranno ancora out Correa e Cataldi. Hanno due problemi simili, probabilmente abbiamo affrettato un attimino i loro rientri. Danilo sembrava prossimo al rientro, ieri non era al massimo. Anche il suo rientro potrebbe slittare. Correa è a buon punto, l'abbiamo tenuto a riposo assoluto. Vedremo dopo questa gara se sarà pronto contro il Parma oppure direttamente con l'Inter. Devo inoltre valutare le condizioni di Luiz Felipe che ieri è rimasto a riposo. Sceglierò comunque la formazione migliore in base a quello che i giocatori mi potranno garantire per gli interi 90 minuti. Lulic sta bene, domenica scorsa mi preoccupavano lui e Luis Alberto. Entrambi però hanno giocato molto, si sacrificano per la causa".