In casa Juventus torna a tener banco la questione secondo portiere. Con l'addio sempre più probabile di Gigi Buffon, la dirigenza bianconera ha messo sotto occhio due estremi difensori con un passato a Torino, che ben stanno facendo in questa stagione.

La prima scelta: Mattia Perin

Il primo nome sulla lista di Paratici per sostituire Buffon, infatti, sarebbe quello di Mattia Perin, già in bianconero dal 2018 al 2020. Nei due anni in Piemonte, l'attuale portiere del Genoa giocò pochissimo, prima per la titolarità quasi mai messa in discussione di Szczesny e poi a causa proprio del ritorno di Buffon. Vedendosi chiuso dall'ex estremo difensore del PSG, Perin accettò il trasferimento al Benfica, che saltò a causa del mancato superamento delle visite mediche. Riuscì così a giocare con continuità solo a partire dal gennaio 2020, quando la cessione al Genoa gli permise di tornare a vestire i panni del portiere titolare. Ora, Perin è tornato in forma ed è corteggiato anche dall'Atalanta, che potrebbe cedere Gollini e offrirgli la possibilità di giocare con continuità anche in Europa.

L'alternativa: Emil Audero

Per questo motivo, la Juventus ha pensato a un'alternativa, che sarebbe rappresentata da Emil Audero. Il portiere della Sampdoria è cresciuto proprio nel settore giovanile bianconero ed è rimasto anche un anno a Torino ricoprendo il ruolo di terzo portiere ed esordendo in Serie A contro il Bologna. Ceduto ai blucerchiati nel 2019 per 20 milioni di euro, ora sembra difficile che possa accettare un ruolo da secondo portiere. A 24 anni, l'italo-indonesiano è uno degli estremi difensori più quotati della Serie A e tornare in panchina, seppur alla Juventus, rappresenterebbe un passo indietro nella sua crescita. Inoltre, la valutazione di 15 milioni di euro fatta dalla Sampdoria rischia di frenare l'interesse della Juventus, che difficilmente vorrà spendere così tanti soldi per un secondo portiere.