25 Ottobre 2021
9:08

La frustrazione di Cristiano Ronaldo: sfoga la rabbia per la sconfitta con una brutta reazione

Il Liverpool ha travolto il Manchester United a Old Trafford. Cristiano Ronaldo, tra i protagonisti in negativo della sconfitta, era nervoso e ha scaricato tutta la rabbia per un risultato umiliante (0-5) contro Curtis Jones. Il modo in cui si avventa sul pallone e affronta l’avversario lo dimostrano.
A cura di Maurizio De Santis

Cinque ceffoni sul muso come i Palloni d'Oro che ha in bacheca. Cinque tirate d'orecchie che al Manchester United e a Cristiano Ronaldo hanno fatto male, malissimo. A Old Trafford il Liverpool ha annientato ogni cosa: la sicumera del campione, le ambizioni del club, il futuro del tecnico, Solskjaer, che tiene in pugno il timone mentre la nave imbarca acqua, sballottata dai marosi e una classifica divenuta pericolosa. Red Devils settimi a -8 dal Chelsea capolista, -3 dalla zona Champions e -1 dall'Europa League: non è proprio quel che si aspettava la proprietà e nemmeno CR7 che in Inghilterra era tornato sulle ali dell'entusiasmo e dei ricordi.

La frustrazione del portoghese esplode alla fine del primo tempo, quando la formazione di Klopp è in vantaggio già per 0-3 (il risultato finale sarà di 0-5). L'ex Juve va al contrasto con Curtis Jones nei pressi della linea di fondo: il pallone è in possesso dell'avversario che si fa scudo del corpo per resistere alla carica. L'intervento di Ronaldo è rude, scomposto. Il modo in cui affronta il calciatore dei Reds più che un contrasto ‘maschio' sembra una reazione nervosa, uno sfogo. Spinge, scalcia, lo strattona e lo atterra poi rifila un altro pestone.

L'arbitro Taylor fischia la punizione e lui scavalca Jones senza nemmeno guardarlo, con indifferenza e a capo chino. Va oltre e lo ignora. Avrebbe potuto tendergli almeno la mano, nulla. Prende l'ammonizione per tanta irruenza e scatena le proteste dei compagni di squadra di Jones, che nel frattempo s'è rialzato. Ne nasce un capannello: Virgil van Dijk e Andy Robertson circondano il portoghese, Bruno Fernandes si frappone a difesa. I nervi sono saltati, CR7 non ci sta a perdere.

Non sopporta un pareggio, figurarsi incassare una sconfitta di quelle proporzioni in casa e in uno scontro diretto. In novanta minuti giocati ha tirato una sola volta verso Alisson e toccato una quarantina di palloni. Grandi occasioni create nemmeno le conti sulla punta delle dita. Manifestava insofferenza anche alla Juventus, dove addirittura lasciò il campo e lo stadio in anticipo per una sostituzione. Esplode anche adesso, per vezzo e per vizio, dopo aver respinto le critiche da parte di chi parla di lui solo per ne conosce il valore e lo teme.

Cristiano Ronaldo a lezione da ten Hag, colpito dove fa più male:
Cristiano Ronaldo a lezione da ten Hag, colpito dove fa più male: "Deve migliorare fisicamente"
Cristiano Ronaldo ritrova il sorriso con il primo gol in carriera in Europa League
Cristiano Ronaldo ritrova il sorriso con il primo gol in carriera in Europa League
Cristiano Ronaldo lancia un messaggio ai suoi detrattori:
Cristiano Ronaldo lancia un messaggio ai suoi detrattori: "Il mio cammino non è terminato"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni