206 CONDIVISIONI
22 Settembre 2021
8:07

Incredibile in coppa, il vicepresidente del Suriname gioca titolare a 60 anni: è record ogni epoca

Scene davvero incredibili al fischio d’inizio di Inter Moengotapoe-Olimpia, match di andata degli ottavi di finale della Concacaf League, seconda competizione per club centroamericana. Tra i titolari dei padroni di casa, è stato schierato in campo con la fascia di capitano Ronnie Brunswijk, vicepresidente del Suriname ma anche proprietario della squadra. Al ritorno in Honduras non potrà giocare, è ricercato dall’Interpol…
A cura di Paolo Fiorenza
206 CONDIVISIONI

Cose mai viste prima in Concacaf League, la seconda competizione per club del Centro America dopo la Champions League: al momento del fischio d'inizio del match di andata degli ottavi di finale tra l'Inter Moengotapoe e gli honduregni dell'Olimpia, a centrocampo si è palesata – in pantaloncini e maglietta dei padroni di casa – una figura corpulenta che ha lasciato tutti di stucco. Non c'è voluto molto per riconoscerlo, visto che si tratta di uno degli uomini più importanti del Suriname: Ronnie Brunswijk, vicepresidente del Paese, ma anche proprietario dell'Inter. Dettaglio non insignificante: il politico e patron della squadra ha 60 anni. Brunswijk diventa così il giocatore più anziano a scendere in campo in una partita internazionale ufficiale di un club, per la precisione a 60 anni e 198 giorni. È nato prima lui, il 7 marzo del 1961, che la stessa confederazione calcistica centroamericana (il 18 settembre dello stesso anno).

Il boss della squadra è partito dunque titolare nella prestigiosa sfida di Concacaf League, indossando anche la fascia di capitano e giocando per 54 minuti, prima di essere sostituito sul punteggio di 0-3. Eh sì, perchè la partita si è trasformata in una disfatta per l'Inter Moengotapoe, sconfitta per 0-6 al fischio finale. Brunswijk ha condiviso il campo con suo figlio Damian, numero 10 della squadra, che tuttavia è durato sul terreno di gioco meno di lui, appena 24 minuti prima di essere avvicendato.

Il doppio confronto sembra ora segnato: il match di ritorno si giocherà martedì prossimo sul campo dell'Olimpia in Honduras. Alla sfida tuttavia Brunswijk non potrà prendere parte, perché è nella lista dell'Interpol e non può lasciare il Paese. Il motivo è nel fatto che oltre alla politica ed al calcio, praticato anche in gioventù, il vicepresidente del Suriname ha vissuto molte altre vite. Brunswijk è stato infatti anche un guerrigliero e successivamente un trafficante di droga, condannato (ed attualmente ricercato) in Europa. Una delle persone più ricche del Suriname, dovrebbe anche avere una cinquantina di figli. Cose mai viste, appunto.

206 CONDIVISIONI
Il capitano va nello spogliatoio avversario a distribuire soldi: è il vicepresidente del Suriname
Il capitano va nello spogliatoio avversario a distribuire soldi: è il vicepresidente del Suriname
Mondiali ogni due anni, l'ECA attacca la FIFA e sostiene l'UEFA: "Proposta distruttiva"
Mondiali ogni due anni, l'ECA attacca la FIFA e sostiene l'UEFA: "Proposta distruttiva"
Mirante torna a giocare a 38 anni: sarà titolare tra i pali in Serie A
Mirante torna a giocare a 38 anni: sarà titolare tra i pali in Serie A
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni