Il Chelsea ha deciso di cambiare pagina, dando il benservito a Frank Lampard che sarà sostituito da Thomas Tuchel. Il manager inglese è stato esonerato ufficialmente oggi, all'indomani del successo nella sfida di FA Cup sul Luton Town. Ha fatto molto discutere oltremanica, il modo in cui il club londinese ha comunicato al diretto interessato la sua decisione, in maniera brutale e sbrigativa, "dimenticando" il suo lunghissimo passato in Blues.

A Frank Lampard non è bastato il raggiungimento degli ottavi di finale di Champions, del quinto turno di FA Cup e il fatto che quasi due mesi fa fosse in testa alla classifica. Il Chelsea ha deciso di voltare pagina alla luce del rendimento deludente dei Blues tra fine 2020 e inizio 2021 con le 5 sconfitte in 8 partite che ha fatto scivolare la squadra a meno 11 dalla vetta della Premier League. Quello che sorprende un po' sono le tempistiche della decisione, arrivate non dopo l'ultimo ko in campionato contro il Leicester, ma oggi dopo il successo contro il Luton, avversario assolutamente alla portata in Coppa.

Le indiscrezioni provenienti da oltremanica, raccontano di un esonero comunicato in maniera brutale a Lampard che si aspettava dal canto suo un altro comportamento da parte di un club in cui ha militato circa 13 stagioni da calciatore e quasi due da allenatore. E invece come raccontato da Sky Sport, i vertici, non gli avrebbero permesso nemmeno di salutare la squadra. Secondo il Sun poi, la decisione sarebbe stata resa nota al tecnico in un incontro durato appena mezz'ora, alla presenza dei dirigenti Bruce Buck e Marina Granovskaia, dopo la telefonata del patron Abramovich.

Al Chelsea in particolare non è andato giù il fatto che Lampard non abbia saputo trarre profitto della sontuosa campagna acquisti estiva, sostenuta nonostante le difficoltà legate alla crisi pandemica. A tal proposito Abramovich avrebbe iniziato a pensare all'addio già a Santo Stefano nell'inaspettato ko contro un Arsenal in profonda crisi. Una situazione comunque non digerita dai tifosi che anche in occasione dell'ultimo match attraverso uno striscione avevano manifestato solidarietà nei confronti del mister.