Il calcio italiano tornerà in campo con la Coppa Italia, prima ancora dell'inizio del campionato. Lo ha confermato il ministro dello sport Vincenzo Spadafora al termine dell'incontro con i vertici del calcio italiano, nel quale si è sbloccata la ripresa della Serie A (pianificata per il 20 giugno) dopo quasi tre mesi di stop a causa dell'emergenza Coronavirus.

Nelle idee del ministro c'è un ritorno soft, con le partite di Coppa Italia ancora da disputare – tre, le semifinali di ritorno e la finale – come una sorta di prova generale in vista della ripartenza del campionato. Lo stesso Spadafora ha spiegato il suo piano dopo la riunione risolutiva.

"Spero che si possa dare un segnale positivo utilizzando la settimana dal 13 al 20 giugno per completare la Coppa Italia. Sarebbe un bel segnale perché si potrebbero trasmettere tre partite importanti in chiaro, come previsto, sulla Rai. Sarebbe un beneficio per tutti gli italiani".

Coppa Italia: le date di semifinali e finale

Le date precise di semifinali e finale di Coppa Italia dovranno essere determinate dalla Lega Serie A, ma è arrivato l'ok dal governo affinché la competizione possa ripartire dal 13 giugno. Restano da giocare ancora le semifinali di ritorno e la finale. Tra le ipotesi, c'è la possibilità di programmare le semifinali per il 13 e il 14 giugno e la finale mercoledì 17 giugno. Uno scenario, il più concreto, che sarà analizzato nell'assemblea straordinaria della Lega Serie A in programma per domani.

In lizza ci sono quattro tra le principali squadre del campionato: nelle gare di andata il Napoli ha battuto 1-0 in trasferta l'Inter e MilanJuventus è terminata 1-1. Entrambe le semifinali sono all'insegna del grande equilibrio, con una posta in palio importante: la finalissima. Il ritorno del calcio italiano, dunque, sarebbe da subito all'insegna delle emozioni.