Colpaccio dello Spezia in casa della Roma. La squadra di Italiano espugna l'Olimpico con il punteggio di 4-2 e vola ai quarti di finale di Coppa Italia dove affronterà il Napoli. Dopo il 2-2 nei tempi regolamentari con Pellegrini e Mkhitaryan bravi a rispondere all'uno-due in apertura di Galabinov e Saponara ci hanno pensato l'ex Verde e Saponara a chiudere il discorso nel secondo extra-time dopo che i giallorossi erano rimasti in 9 per il rosso a Mancini e Pau Lopez.

La partita è iniziata subito male per la Roma che è stata un po’ sorpresa dalla spregiudicatezza dello Spezia, protagonista con buone trame di gioco. Dopo appena 6’ ospiti in vantaggio su calcio di rigore concesso per un contatto Cristante-Maggiore in area. Galabinov impeccabile dal dischetto celebra il ritorno in campo dopo un lungo infortunio con la rete dello 0-1. Ci si aspetta la reazione dei padroni di casa e invece arriva il raddoppio dello Spezia con una splendida trama finalizzata da Saponara. La Roma vede le streghe dopo il tracollo nel derby, ma riesce comunque a tornare in carreggiata nel finale di frazione con Lorenzo Pellegrini. Il centrocampista prima si procura e poi realizza il penalty dell’1-2 che restituisce fiducia alla formazione di Fonseca.

I giallorossi tornano in campo nella ripresa con maggiore consapevolezza dei propri mezzi e sfruttano la scia della rete che ha riaperto il match. Le azioni pericolose si susseguono, tra cui anche quella clamorosa divorata a porta spalancata da Borja Mayoral. Non sbaglia invece Mkhitaryan, che riscatta la sua prova molto negativa con il tocco morbido che batte il portiere avversario per il 2-2. Chi invece proprio non riesce a lasciare il segno è il terminale offensivo spagnolo della Roma che prima della fine dei tempi regolamentari fallisce un'altra occasione da rete limpida. Al contrario meritare gli applausi è Pau Lopez che salva il risultato con una buona parata su Piccoli.

In avvio dei supplementari però accade l'imprevedibile con la Roma che si ritrova sotto addirittura di due uomini. Il motivo è l'espulsione lampo di Mancini prima e Pau Lopez poi, che nel giro di 40 secondi lasciano i giallorossi in 9. Una situazione che spiana la strada allo Spezia che nel secondo extra-time ne approfitta con il grande ex Verde e Saponara che calano il poker mettendo al tappeto Fuzato.