113 CONDIVISIONI
3 Maggio 2022
17:38

Guardiola sconcertato dalla domanda sul Real Madrid, non ha senso: “Ma siamo in Champions!”

L’allenatore catalano alla vigilia di Real-Manchester City è rimasto spiazzato dalla domanda di un cronista spagnolo. Il motivo? Non c’entra nulla con la Champions League.
A cura di Marco Beltrami
113 CONDIVISIONI

Le interviste di Pep Guardiola alla stampa spagnola stanno diventando sempre più oggetto di discussione. Ci eravamo lasciati con il mister catalano, poco propenso a parlare ai microfoni di Movistar+ dopo Manchester City-Real Madrid. Luoghi comuni, rispose monosillabiche e banali e un atteggiamento quasi dal sapore della presa in giro per il manager dei Citizens, intenzionato a vendicarsi di chi aveva travisato il senso delle sue parole sull'Atletico Madrid e sulla filosofia di Simeone dopo l'andata dei quarti di Champions. Una nuova puntata è andata in scena nell'appuntamento in tribuna stampa prima del ritorno della semifinale di Champions contro il Real.

Questa volta Guardiola è rimasto letteralmente sbalordito, dopo una domanda postagli da un cronista suo connazionale. Oggetto della stessa? Un eventuale tributo al Real Madrid, ovvero il classico "pasillo". Si chiama così il classico omaggio presentato dagli avversari, alla squadra che si è appena laureata campione della Liga: i calciatori si dividono in due gruppi, collocati uno di fronte all'altro e formano un "corridoio" per i vincitori, accolti da applausi. Un modo per complimentarsi sportivamente con il Real Madrid reduce dalla matematica vittoria del campionato.

Mai come in questa stagione l'ipotetico "pasillo" sta facendo discutere in Spagna. Infatti nella prossima giornata della Liga, il Real affronterà nel derby l'Atletico Madrid. Cosa faranno i Colchoneros? Si adegueranno e si complimenteranno al Wanda Metropolitano con i rivali di sempre? Assolutamente no, come spiegato in una perentoria nota ufficiale: "C'è chi vuole convertire quello che è nato come gesto di riconoscimento al campione in un tributo pubblico che i suoi rivali devono pagare, impregnato anche del profumo dell'umiliazione. In nessun caso l'Atletico de Madrid collaborerà a questo tentativo beffardo  in cui i veri valori dello sport sono completamente dimenticati e incoraggia la tensione e confronto".

Il caso "pasillo" ha sollevato un polverone, e inevitabilmente è stato tirato fuori anche alla viglia di Real Madrid-Manchester City di Champions League durante la conferenza di Guardiola. Quest'ultimo è rimasto spiazzato dalle parole del suo interlocutore, che gli ha chiesto se gli inglesi hanno pensato di rendere omaggio alla squadra di Ancelotti. Pep quasi incredulo ha risposto: "La Liga non mi riguarda, non ho opinioni e non ho niente da dire. Faremo il pasillo? Ma è qualcosa che dipende dalla UEFA". Effettivamente non si capisce il perché gli avversari internazionali del Real dovrebbero rendere omaggio alle merengues per un successo ottenuto in patria. Guardiola infatti ha chiosato: "Capisco che mi chiedi qualcosa sulla Liga. Mi congratulo con te come portavoce del club, ma siamo in Champions".

113 CONDIVISIONI
Le bugie bianche del Real su Mbappè e Haaland:
Le bugie bianche del Real su Mbappè e Haaland: "Non prendiamo un campione per fargli fare panchina"
Modric è pazzo di Ancelotti e svela il suo metodo al Real:
Modric è pazzo di Ancelotti e svela il suo metodo al Real: "Tutti andrebbero in guerra con lui"
Il Real Madrid ha le mani su Tchouameni: proposta indecente pur di fare un dispetto al PSG
Il Real Madrid ha le mani su Tchouameni: proposta indecente pur di fare un dispetto al PSG
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni