160 CONDIVISIONI
15 Settembre 2022
12:44

Festini e orge pagati con i soldi della federcalcio: scoppia lo scandalo in Spagna

Sul filone dell’inchiesta che ha coinvolto anche Gerard Piquè e l’accordo per la Supercoppa in Arabia, emergono nuovi scottanti particolari: “Tutto era fatto per rendere facile la vita al presidente”
A cura di Alessio Pediglieri
160 CONDIVISIONI
Il presidente della Federcalcio spagnola, Luis Rubiales in carica dal 2018
Il presidente della Federcalcio spagnola, Luis Rubiales in carica dal 2018

Uno scandalo nato già nella Primavera di quest'anno e che ha scatenato feroci polemiche verso la gestione della Federcalcio spagnola, la sua dirigenza e qualche illustre giocatore di prima fascia della Liga, Gerard Piquè già coinvolto nel tourbillon di rivelazioni, registrazioni audio e testimonianza nell'inchiesta aperta da parte del Tribunale di primo grado e istruzione numero 4 di Majadahonda (Madrid) nei confronti della Federcalcio spagnola (RFEF), nella figura del suo massimo esponente,  il presidente Luis Rubiales. Che adesso torna a essere investito da nuove pesanti accuse, riportate dai verbali che "El Mundo" è riuscito ad avere e ha rivelato, da parte di suo zio, Juan Rubiales nonché ex capo di Gabinetto federale e già inserito da tempo nelle trame politiche ed economiche del calcio spagnolo.

Il filo conduttore di fondo è lo sperpero di soldi pubblici, l'utilizzo non autorizzato ed illecito di fondi per pagare spese e gestioni esterne, poi messe sul conto della RFEF, con l'accondiscendenza e il diretto coinvolgimento di Luis Rubiales. Tutto il lavoro di Juan era indirizzato ad un unico preciso scopo: "rendere la vita facile al presidente, il che significava organizzare e coordinare trasferte, agenda, relazioni istituzionali e organizzazione del consiglio di amministrazione, assemblee…" si legge nelle dichiarazioni a verbale. Persino festini privati tra cui uno in particolare, "in uno chalet privato a Salobreña all'inizio del 2020". Proprio in merito a ciò, i ricordi di Juan si fanno improvvisamente precisi: "Una struttura esclusivamente messa a disposizione per il godimento suo [del presidente Luis, ndr] e dei collaboratori più stretti, pagando le spese con le carte aziendali della stessa RFEF. Ci fu anche la presenza di un gruppo di otto o dieci ragazze che è stato invitato a quella festa…" la stessa che lo stesso "El Mundo" definisce una vera e propria "orgia".

L’esclusiva di El Mundo e lo scandalo delle
L’esclusiva di El Mundo e lo scandalo delle "orge" pagate con i fondi federali

Nelle parole di Juan, dunque, si evidenzia tutto il malaffare del nipote presidente, Luis (tuttora in carica dal 2018), che lo aveva eletto capo di Gabinetto della RFEF  – ruolo che ha ricoperto regolarmente "da giugno 2018 ad agosto 2020, quando è stato licenziato" – per il quale ha ammesso che doveva sempre "trovare le formule giuste perché i soldi federali raggiungessero suo padre e che trovare il modo di fare uscire il denaro della RFEF. Si sarebbe trattato solamente di qualche giorno di lavoro, nulla di più ma non è stato così". E di fronte al gran rifiuto di Juan, Luis avrebbe deciso di licenziarlo in tronco, "dicendomi di uscire dalla Federcalcio e di non volere più nulla a che fare con me".

Dunque, soli panni sporchi di famiglia sventolati pubblicamente? Difficile che lo scandalo si possa ridurre marginalmente ad una situazione del genere perché i contorni sono ben più ampi. E si ritorna ancora alle deposizioni di Juan Rubiales che affonda il carico parlando di lotte intestine scatenate dal presidente, contro l'Associazione dei calciatori spagnoli  – di cui avrebbe provato a prenderne la presidenza senza riuscirci, nel 2010 – "contro David Aganzo , presidente dell'AFE ha assunto un'agenzia investigativa per seguire e scoprire chi incontrasse, con chi parlasse, chi lo sostenesse. Il tutto" riporta El Mundo attraverso i verbali "con il pagamento per quei servizi di sorveglianza effettuato tramite una società che successivamente ha addebitato i costi alla RFEF".

A queste nuove rivelazioni, si devono poi aggiungere quelle già oramai tristemente note che aveva anticipato "El Confidencial" lo scorso aprile, alzando il coperchio sul torbido rapporto e i contatti tra la Federcalcio spagnola e la "Kosmos", un'azienda fondata da Gerard Piqué, che si accordarono per il trasferimento della Supercoppa iberica in Arabia Saudita spartendosi ingenti somme di denaro. Stando agli audio "rubati", presidente Rubiales e il difensore del Barcellona avevano tessuto un accordo complessivo per sei anni, per un valore garantito di 240 milioni totali, negoziando una commissione complessiva da 24 milioni di euro proprio a favore della "Kosmos", la società di Piqué.

Ovviamente, di fronte alle nuove rivelazioni de "El Mundo", la Federcalcio spagnola ha risposto immediatamente con una smentita ufficiale: "L'intervento integrale di Juan Rubiales riportato oggi dal quotidiano El Mundo – si legge nella nota federale –  è ancora una volta un nuovo esercizio di falsità e manipolazione da parte di un ex dipendente federale mosso dal dispetto, nonché dalle sue alleanze dimostrate e riconosciute da chi cercare un costante deterioramento dell'immagine del presidente della RFEF".  E a proposito dell'accusa diretta e tra le più infamanti, ovvero quella del festino a tinte fosche a Salobreña, il tutto viene ridimensionato ad una semplice "convivenza di pianificazione e organizzazione tra i dirigenti federali. Nella città di Salobreña  l'alloggio in questione era interamente pagato da ciascun assistente, compreso il presidente Juan Rubiales e né i dipendenti né la RFEF ha commesso irregolarità. Né in quella data né in nessun'altra  – conclude il comunicato – un solo euro è stato dedicato ad altre questioni differenti all'attività federativa", ragazze comprese.

160 CONDIVISIONI
Perché i tifosi hanno mostrato le foto di Ozil mettendosi la mano alla bocca durante Spagna-Germania
Perché i tifosi hanno mostrato le foto di Ozil mettendosi la mano alla bocca durante Spagna-Germania
Come ha fatto D'Onofrio a diventare procuratore capo degli arbitri con un passato di fatti inquietanti
Come ha fatto D'Onofrio a diventare procuratore capo degli arbitri con un passato di fatti inquietanti
Il Marocco batte la Spagna: caroselli e fuochi d'artificio a Milano
Il Marocco batte la Spagna: caroselli e fuochi d'artificio a Milano
18 di Viral News
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni