L'argomento più discusso degli ultimi giorni è, senza dubbio, l'esclusione dalle coppe europee per due anni del Manchester City. La decisione presa dalla Uefa ha creato un grande dibattito in tutta Europa in merito al Fair Play Finanziario, alla regolamentazione e alle sanzioni. Proprio in merito a questo tema Arsene Wenger e Fabio Capello sono stati i protagonisti di un incontro a margine dei Laureus Sports Awards in corso a Berlino. I due ex allenatori hanno toccato anche questo spinoso argomento e l’ex manager dell’Arsenal ha dichiarato: "Non so se la revoca del titolo sia prevista dalle regole, non so se le regole ne abbiano il potere”. Subito dopo è intervenuto il tecnico di Pieris che ha replicato al collega riaprendo la ferita di Calciopoli, lo scandalo che ha coinvolto il calcio italiano del 2006:

Io ne so qualcosa di titoli revocati con la Juventus. Bisogna aspettare per capire la decisione. Per loro è solo una questione di soldi e non possono giocare in Champions la prossima stagione.

La discussione è continuata tra l’ilarità generale con le parole di Wenger: "Fabio vuole fare polemica". Subito dopo Capello ha concluso il suo intervento analizzando la punizione inflitta dal massimo ente calcistico europeo al Manchester City e l'ha giudicata "una decisione severa".

Manchester City rischia la revoca della Premier del 2014

Quello che ha colpito il Manchester City è un vero e proprio terremoto. La squadra di Guardiola sta vivendo dei momenti di assoluto disorientamento dopo l'esclusione per le prossime due stagioni dalle competizioni europee per violazione del Fair Play Finanziario ma, secondo diversi media britannici, sarebbe a rischio revoca il titolo conquistato nel 2014 e potrebbe esserci l'esclusione dalla Premier League. Nel caso in cui la Football Association dovesse confermare le violazioni finanziarie già riscontrate dall'Uefa verrebbe revocato il titolo che la squadra allenata da Manuel Pellegrini vinse con 86 punti davanti al Liverpool.