L'Albania ha dimostrato tutta la sua vicinanza all'Italia nella difficile battaglia contro il Coronavirus. Il discorso del primo ministro albanese Edi Rama dopo l'invio di 30 operatori sanitari a sostegno del nostro personale sanitario ha strappato gli applausi di tutti. Il politico ha un rapporto speciale con l'Italia, e con lo sport italiano: ex cestista, il premier ha una grande passione per lo sport e per la Juventus. In un'intervista ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, ha parlato della sua fede bianconera.

Edi Rama primo ministro dell'Albania racconta la passione per la Juventus

Edi Rama è un tifoso sfegatato della Juventus. Ecco come il primo ministro dell'Albania ha parlato del suo amore per i colori bianconeri: "Sono bianconero fin da bambino, ogni sera prima di andare a dormire guardavo la foto di Dino Zoff che avevo appesa in camera. Per me la Juventus rappresenta lo spirito di fare quadrato per vincere, anche contro ogni previsione. Ho tanti ricordi belli e anche qualcuno negativo e ancora adesso non voglio ripensare a quell'arbitro di Madrid (Juve eliminata in Champions per il rigore in extremis segnato dall'allora avversario Ronaldo, ndr)".

La stima di Rama per Agnelli, Ronaldo, Buffon e l'interista Mourinho

Rama ha grande stima per il presidente Agnelli, ma anche per Ronaldo e Buffon. Questi ultimi si sono resi protagonisti di una splendida iniziativa dopo il forte terremoto che ha sconvolto l'Albania pochi mesi fa: "Ho grande stima del presidente Agnelli e quando sono venuto in visita all'Allianz Stadium, alcuni bambini sopravvissuti al terremoto hanno incontrato Cristiano Ronaldo e Buffon: sono persone con un cuore grandissimo". Passione sconfinata per la Juventus, ma anche grande stima per una colonna della storia interista ovvero José Mourinho: "Nel calcio cerco di imparare modi nuovi per vincere e per me i grandi allenatori sono maestri di leadership: so che può sembrare un peccato mortale, ma confesso di aver festeggiato per le vittorie di Mourinho".

La passione di Rama per lo sport, e la stia per il guerriero Mihajlovic

Non c'è solo il calcio nel cuore di Rama, che anche alla luce del suo passato da giocatore di basket, è appassionato di tutti gli sport: "Ero troppo alto per gli standard albanesi e così sono diventato un pivot troppo basso per gli standard internazionali. Seguo l'NBA, ma da quando non c'è più Michael Jordan con i suoi Chicago Bulls non vedo più battaglie all'ultimo sangue. Gli altri sport mi appassionano a tratti, mi lego più alle storie dei personaggi: dall'Italia del volley di Velasco, alle imprese della Ferrari di Schumi, fino ad arrivare alle vittorie di Federica Pellegrini e ai miti del tennis come Federer, Nadal e Djokovic". Grande stima per il "guerriero" Sinisa Mihajlovic: "Ultimamente mi ha emozionato la lotta fuori dal campo di Sinisa Mihajlovic. Sono meraviglie che solo lo sport può regalare al cuore e alla mente".