Una brutta notizia scuote il panorama calcistico internazionale. È morto a soli 40 anni Marian Cisovsky, ex calciatore della nazionale slovacca e del Viktoria Plzen. Il roccioso difensore è stato ucciso dalla SLA, ovvero la Sclerosi laterale amiotrofica. Dopo una lunga battaglia iniziata nel 2014, la malattia neurodegenerativa non ha lasciato scampo a Cisovsky che ha ricevuto il commosso tributo del suo ex club che gli ha dedicato un tributo all'esterno del suo stadio. Anche l'ex compagno di nazionale Marek Hamsik lo ha ricordato su Instagram, postando una sua foto.

Marian Cisovsky è morto: l'ex calciatore ha perso la battaglia contro la SLA

Marian Cisovsky non ce l'ha fatta. L'ex difensore è morto a soli 40 anni a causa della SLA, la Sclerosi laterale amiotrofica. L'annuncio è arrivato dal profilo social del suo ultimo club il Viktoria Plzen che ha postato una sua foto accompagnata da queste parole: "Oggi è il giorno più triste. Dobbiamo annunciare con tutto il cuore che Marian Cisovsky ci ha lasciato per sempre ". Nel 2014, era stato proprio lui a dare la notizia della malattia quando in occasione di un intervento chirurgico al ginocchio venne a conoscenza di dover fare i conti con la malattia neurodegenerativa che non gli ha lasciato scampo. Negli ultimi anni, seppur visibilmente provato spesso e volentieri si era recato allo stadio ricevendo l'ovazione dei suoi tifosi che non lo hanno mai dimenticato

Chi era Marian Cisovsky e dove ha giocato

Marian Cisovsky è stato uno dei calciatori più importanti del panorama calcistico slovacco degli ultimi anni. Il classe 1979 difensore, abile soprattutto nel gioco aereo e con il vizietto del gol ha vestito le casacche di Inter Bratislava, Zilina, Artmedia, e soprattutto Viktoria Plzen. Con il club rossoblu ha vinto due titoli e ha avuto la possibilità di affrontare in Champions League, campioni del calibro di Messi, Ibrahimovic e Ribery. Nel 2013 ha incrociato anche il Napoli in Europa League. Nella squadra azzurra militava il suo ex compagno di nazionale Marek Hamsik che lo ha ricordato oggi con una foto con la scritta "Rip". Il Viktoria Plzen ha allestito all'esterno degli spogliatoi una zona per ricordare il suo giocatore con due gigantografie relative alla sua esultanza dopo un gol, con tanto di maglie indossate in carriera.