805 CONDIVISIONI
12 Maggio 2022
20:51

Donnarumma si assolve: “Il gol di Benzema era irregolare, non mi sento colpevole”

Il portiere del Psg e della Nazionale ha fretta di voltare pagina e lasciare alle spalle una stagione tormentata. Considera chiuso il dualismo con Navas (“il club farà delle scelte”) ma in cuor suo c’è ancora qualcosa che non lo lascia del tutto tranquillo.
A cura di Maurizio De Santis
805 CONDIVISIONI
L’uscita maldestra di Donnarumma su Benzema, l’attaccante del Real sfruttò l’occasione e propiziò un gol pesante.
L’uscita maldestra di Donnarumma su Benzema, l’attaccante del Real sfruttò l’occasione e propiziò un gol pesante.

La stagione di Gianluigi Donnarumma non è stata delle migliori né con il Paris Saint-Germain né in Nazionale. È finita male malissimo per gli errori commessi in Champions League e in Azzurro, epilogo peggiore non poteva esserci a margine di un'annata scandita dalla concorrenza con Keylor Navas. Un tormentone che s'è portato dietro a lungo e ne ha condizionato il rendimento. Cosa accadrà nella prossima stagione?

L'ex milanista non ha dubbi, il dualismo non ci sarà più. E spera di lasciare alle spalle anche il periodo negativo che l'ha avviluppato dopo il trionfo degli Europei: da eroe ad attore non protagonista, lontano dalla luce dei riflettori. "Voglio restare al Psg – ha ammesso nell'intervista ad Afp -. Non è stata una stagione facile, so di poter fare di più, ho giocato metà della partite ma sono convinto di poter dare molto di più a questa squadra". Il dualismo con l'estremo difensore costaricano non gli farà più ombra, Donnarumma ne è certo: "No, credo proprio che non andrà cosi. Il club farà delle scelte. Ho un ottimo rapporto con Keylor, entrambi capiamo la situazione, ma è stato difficile anche per lui".

Il dualismo con Navas non preoccupa Donnarumma, certo che dalla prossima stagione non ci sarà più concorrenza.
Il dualismo con Navas non preoccupa Donnarumma, certo che dalla prossima stagione non ci sarà più concorrenza.

Tra le note dolenti l'uscita improvvida nella sfida di Coppa contro il Real Madrid, quando Benzema lo beffò, e qualche disattenzione di troppo con l'Italia che contro la Macedonia (anche in quell'occasione non fu abbastanza pronto). Donnarumma si assolve, volta pagina e guarda avanti. "Non mi sento affatto colpevole – ha aggiunto il numero uno degli Azzurri -. Il gol non era regolare ma avremmo potuto gestire meglio il prosieguo della partita. L'anno prossimo faremo vedere a tutti chi siamo ma non deve essere un'ossessione".

Il gol della Macedonia elimina l’Italia di Mancini dai playoff per le qualificazioni ai Mondiali in Qatar.
Il gol della Macedonia elimina l’Italia di Mancini dai playoff per le qualificazioni ai Mondiali in Qatar.

In cuor suo, però, c'è ancora qualcosa che non lo lascia del tutto tranquillo. L'eliminazione dalle qualificazioni ai Mondiali in Qatar (il secondo flop di fila dopo Russia 2018) è delusione che non va via facilmente. E non basta metterci una pietra sopra. Il colpo è stato molto forte, servirà ancora del tempo per rimettersi in piedi. Vedere la Coppa davanti alla TV farà molto più male. "È stata molto dura da digerire – ha concluso Donnarumma -. Sono stati giorni difficili. Quello che abbiamo fatto agli Europei resterà nella storia, abbiamo ottenuto un risultato incredibile. Ma l'Italia deve andare al Mondiale… e non ci siamo riusciti".

 
805 CONDIVISIONI
La Supercoppa è del Real Madrid, Eintracht battuto 2-0: Ancelotti si conferma il re d'Europa
La Supercoppa è del Real Madrid, Eintracht battuto 2-0: Ancelotti si conferma il re d'Europa
L'esclusione di Donnarumma dal Trofeo Yashin diventa un incubo: c'è Maignan
L'esclusione di Donnarumma dal Trofeo Yashin diventa un incubo: c'è Maignan
Il Real stende la Juve sotto i colpi di Benzema e Asensio:
Il Real stende la Juve sotto i colpi di Benzema e Asensio: "Abbiamo perso contro i più forti"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni