1.508 CONDIVISIONI

De Laurentiis ha mortificato Garcia nello spogliatoio davanti a tutto il Napoli: squadra incredula

Un gesto del presidente nell’intervallo di Napoli-Empoli è valso come un esonero. La rosa dei nomi per il nuovo tecnico al posto di Garcia è sul tavolo. La prima certezza è che mercoledì prossimo, alla ripresa degli allenamenti, non si udirà più l’accento francese.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Maurizio De Santis
1.508 CONDIVISIONI
Aurelio De Laurentiis sceglie il nuovo allenatore. La sconfitta contro l'Empoli lo ha spinto a prendere una decisione definitiva su Garcia.
Aurelio De Laurentiis sceglie il nuovo allenatore. La sconfitta contro l'Empoli lo ha spinto a prendere una decisione definitiva su Garcia.

Aurelio De Laurentiis ha di fatto esonerato Rudi Garcia già alla fine del primo tempo, quando è sceso negli spogliatoi per censurare quel primo tempo orribile (la ripresa sarebbe stata anche peggiore per l'esito) contro l'Empoli. Il gesto compiuto dal presidente del Napoli è stato emblematico, i toni esasperati. La squadra, già confusa, è rimasta allibita ed è implosa. Quell'atto di esautorazione molto duro è giunto all'apice di un periodo commissariale (durato circa un mese) nel corso del quale il massimo dirigente ha provato a salvare il salvabile, tenere assieme le varie anime e tutte le componenti della squadra apparsa la brutta copia di quella ammirata nella scorsa stagione.

Non Campioni d'Italia che hanno l'onore e l'onere di difendere il titolo ma una formazione con poco nerbo, che vive di fiammate d'orgoglio e di spunti individuali, smarrita e senza più un'identità tattica, svuotata delle proprie emozioni e dalla consapevolezza della propria forza, che non riesce più a trovare brillantezza nemmeno al Maradona (divenuto terra di conquista), appare sfilacciata e fa una fatica tremenda a risalire il campo, a compattarsi e proteggersi.

Un gesto del massimo dirigente durante l'intervallo ha di fatto 'esonerato' il tecnico francese.
Un gesto del massimo dirigente durante l'intervallo ha di fatto ‘esonerato' il tecnico francese.

La sconfitta contro i toscani è stata la più classica goccia che ha fatto traboccare il vaso. Un mese fa la reticenza di Antonio Conte ad accettare l'incarico in corsa gelò ogni tentativo di ribaltone in panchina, l'evoluzione degli eventi non dà adito a soluzioni alternative che non sia un esonero e l'assegnazione dell'incarico a un nuovo allenatore.

Il pareggio striminzito, beffardo e amaro in Champions contro l'Union Berlino aveva già turbato (e innervosito) il patron, che con una vittoria avrebbe voluto chiudere il discorso qualificazione agli ottavi e intascare anche un premio sostanzioso: non solo i milioni per il successo ma soprattutto quel bonus per il superamento del girone che è vitale per gli investimenti.

L'ex Walter Mazzarri è uno dei candidati sul taccuino della dirigenza per la panchina.
L'ex Walter Mazzarri è uno dei candidati sul taccuino della dirigenza per la panchina.

La prestazione della squadra e il gol di Kovalenko l'hanno toccato su un nervo scoperto e ha reagito d'impulso, stufo per la dissoluzione della creatura sotto i suoi occhi. Non è certo esente da responsabilità per le scelte fatte e prese da uomo solo al comando (dal casting per il tecnico al mercato fino alla situazione dei rinnovi importanti rimasta in sospeso), ma non immaginava che Garcia lo avrebbe portato sull'orlo del baratro.

Si spiega anche così, alla luce di una presenza costante al fianco del gruppo a Castel Volturno come allo stadio, la discesa nello spogliatoio di De Laurentiis: ha parlato direttamente ai calciatori, lo ha fatto passando sulla testa (ma aveva già deciso che gliel'avrebbe tagliata… licenziandolo) di Garcia, mortificandolo per l'ennesima volta dopo averlo messo sotto tutela e depotenziato già un po' di temo fa. È stato il colpo di coda, il tentativo estremo, la mossa della disperazione per far sì che con l'Empoli non si facesse naufragio. E invece il ‘suo' Napoli è colato a picco.

L'ex di Verona e Udinese, Tudor, è uno dei papabili per allenare il Napoli.
L'ex di Verona e Udinese, Tudor, è uno dei papabili per allenare il Napoli.

A fine incontro il presidente non aveva altro da dire, né alla squadra né all'allenatore che è tale sulla carta ancora per poche ore. La convocazione dei suoi più stretti collaboratori Chiavelli, Meluso, Micheli e Sinicropi è il summit dal quale scaturirà il nome del prossimo tecnico del Napoli.

Chi prenderà de Laurentiis? L'ex Walter Mazzarri è candidatura molto forte, così come quella di Igor Tudor. Quella di Fabio Cannavaro, seduto in tribuna nei pressi del presidente, è una suggestione anche Mondiale. Sullo sfondo c'è Antonio Conte, che resta lì sulle sue posizioni già comunicate de visu al patron e poi ribadite pubblicamente. Le prossime ore saranno dirimenti, la certezza (come spiegato dalla Gazzetta dello Sport) è che mercoledì prossimo, alla ripresa degli allenamenti a Castel Volturno, non si udirà più l'accento francese.

1.508 CONDIVISIONI
De Laurentiis e Garcia, la verità sull'esonero: "Mi lasci fare!", "Ma cosa stai combinando?"
De Laurentiis e Garcia, la verità sull'esonero: "Mi lasci fare!", "Ma cosa stai combinando?"
De Laurentiis dice che il campionato di Serie A è falsato: colpa di alcune squadre
De Laurentiis dice che il campionato di Serie A è falsato: colpa di alcune squadre
Mazzarri dirige l'allenamento del Napoli mentre De Laurentiis chiama Calzona: situazione surreale
Mazzarri dirige l'allenamento del Napoli mentre De Laurentiis chiama Calzona: situazione surreale
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni