21 Gennaio 2022
16:18

Da tifoso del Milan a compagno di Ibrahimovic, l’emozione di Tonali: “È stato difficile abituarmi”

Tonali è uno dei punti fermi del Milan dopo un anno di ambientamento: il classe 2000 ha parlato dell’emozione che si prova ad essere compagno di squadra di Ibrahimovic per un tifoso del Diavolo.
A cura di Vito Lamorte

Se c'è un calciatore che più di altri che si sta prendendo una bella rivincita sulle tante cose negative dette sul suo conto lo scorso anno, quello è Sandro Tonali. Il calciatore del Milan lo scorso anno non ha avuto l'impatto che tutti speravano con il mondo rossonero ma non per questo aveva dimenticato come si gioca a pallone: la prima stagione con la maglia del Diavolo non è stata positiva, ma le qualità non potevano essere messe in discussione. Bisognava trovare il modo di farle emergere, e Stefano Pioli ci è riuscito.

Il classe 2000 è uno dei più presenti e dei più continui di tutta la rosa a disposizione del tecnico di Parma e i numeri sono dalla sua parte: 1.811 minuti distribuiti in 28 presente, con 2 gol e 2 assist per i compagni. Non male per uno che lo scorso anno veniva criticato da tutti e per molti doveva essere rispedito al Brescia senza esercitare il riscatto.

Il resto, però, lo ha fatto Tonali: per restare al Milan si è ridotto l'ingaggio (da 1.6 a 1.2 milioni) e dopo un primo anno di grande difficoltà, sia dal punto di vista mentale che tecnico, il suo atteggiamento ora è quello di un leader. Sandro aveva voglia di mostrare le sue qualità dopo le molte critiche che lo avevano ferito e adesso è un punto fermo dei rossoneri.

Il centrocampista nato Lodi si è raccontato in una lunga intervista a quotidiano La Repubblica e ha parlato di come mister Pioli lo ha aiutato a migliorare: “Mi mancava l'1% che mi faceva stare dentro il gruppo. Lui mi ha martellato sul lavoro, glielo devo riconoscere. Avevo passato un anno difficile e abbiamo fatto come se non ci fosse stato. Tenere duro non è solo una mia caratteristica, è una dote necessaria nel calcio. Senza determinazione, senza voglia di riscatto, non puoi sfondare”.

Tonali ha sempre detto chiaramente di essere tifoso del Milan e ha raccontato l’emozione di giocare nella stessa squadra con Zlatan Ibrahimovic: "Fortissima: in un attimo passi da tifoso a compagno, due cose completamente diverse. Devi saperle gestire e scindere. All'inizio resti a bocca aperta e rischi di deconcentrarti. Ci sono riuscito dopo il primo mese”.

La favola di Sandro Tonali: da tifoso rossonero a leader del Milan
La favola di Sandro Tonali: da tifoso rossonero a leader del Milan
Tonali piazza una zampata da Scudetto al 91': il Milan rimonta la Lazio e torna primo
Tonali piazza una zampata da Scudetto al 91': il Milan rimonta la Lazio e torna primo
Il sogno di Sandro Tonali val bene uno stipendio ridotto: oggi è l'anima del Milan
Il sogno di Sandro Tonali val bene uno stipendio ridotto: oggi è l'anima del Milan
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni