155 CONDIVISIONI
12 Maggio 2022
0:27

Chiellini lascia la Juve indicando l’esempio: “Il Milan, meno forte dell’Inter ma è avanti”

Giorgio Chiellini ha annunciato che lascerà la Juventus a fine stagione ai microfoni di Mediaset dopo la sconfitta nella finale di Coppa Italia.
A cura di Vito Lamorte
155 CONDIVISIONI

Nella sera che decreta la prima stagione senza vittorie della Juventus dopo undici anni, Giorgio Chiellini ha annunciato che a fine stagione lascerà la squadra bianconera: “Lunedì saluterò il mio Stadium, poi magari faccio qualche scampolo a Firenze. È la mia scelta al 100 per cento, con gioia e serenità lascio questa squadra". Il capitano della Vecchia Signora ai microfoni di Mediaset ha proseguito il suo intervento dopo la finale di Coppa Italia persa con l'Inter per 4-2 dopo i tempi supplementari: "Dispiace, loro hanno avuto il predominio del gioco ma eravamo riusciti a tenerla bene a livello di occasioni. Perin non ha fatto parate decisive, abbiamo subito due eurogol e due rigori. L’Inter in questa stagione ha dimostrato di essere più forte in tutti gli scontri diretti, spero che la rabbia per le sconfitte ci dia qualcosa in più per avere carattere nella prossima stagione, perché lo scudetto non si vince solo negli scontri diretti ma giorno dopo giorno, partita dopo partita. Dispiace lasciare con una stagione senza vittorie.

Il numero 3 della Juve ha rilasciato un'intervista di grande impatto e con qualche punta di ironia per sdrammatizzare il momento: “Non ero abituato a non portare a casa trofei (ride ndr). Qualcosa quest’anno non è andato ed è chiaro, un percorso di miglioramento c’è stato ma siamo ancora lontani dall’Inter“.

In merito alla deludente stagione bianconera, Chiello ha parlato in maniera molto pratica di quello che è accaduto: "In quest’annata qualcosa non è andato, c’è stato un percorso di miglioramento ma, onestamente, siamo ancora lontani. Bisogna fare un’analisi più ampia sui punti in cui questa squadra deve migliorare. Non è opportuno parlare solo di scontri diretti, il Milan a mio avviso è meno forte dell’Inter eppure è avanti. Ci sono cicli che si aprono e si chiudono, fa parte della vita. Ritengo che Allegri sia la persona migliore per trasferire questo DNA, la Juventus nella prossima stagione non potrà accettare di finire senza titoli.

Sulle difficoltà che ci sono state negli ultimi due anni, il calciatore toscano ha dichiarato: "È vero, quest'anno i risultati lo dimostrano ma l'importante è essere consapevoli di questo processo da mettere in atto. Abbiamo fatto dieci anni magnifici e ora tocca ai ragazzi continuare. Spero di avergli lasciato qualcosa".

Sul suo saluto al pubblico bianconero dopo tanti anni, ecco l'annuncio di Chiellini: "Lunedì festeggerò e saluterò il mio Juventus Stadium, poi se starò bene farò qualche scampolo a Firenze per tenermi in forma per la Nazionale. Cedo lo scettro a tanti giovani, penso di avergli lasciato qualcosa e sono felice di aver lasciato ad un livello così alto ma è una mia scelta al 100%. Oggi finché ce l'ho fatta penso di aver dimostrato di esserci ancora e con gioia e serenità lascio questa squadra. Sarò fra poco il più grande tifoso".

155 CONDIVISIONI
Chi sarà il nuovo presidente della Juve: Del Piero e Chiellini chiamati al proscenio, scende Nasi
Chi sarà il nuovo presidente della Juve: Del Piero e Chiellini chiamati al proscenio, scende Nasi
Alla vigilia di Juve-Inter spunta un invasato Dalmat:
Alla vigilia di Juve-Inter spunta un invasato Dalmat: "Juve di mer*a, la odio come tutti voi"
Danilo capitano della Juve per una ragione precisa: lungo faccia a faccia prima dell'Inter
Danilo capitano della Juve per una ragione precisa: lungo faccia a faccia prima dell'Inter
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni