269 CONDIVISIONI
21 Settembre 2021
23:01

“Cervello, palle e cuore”: la vendetta di Balotelli contro il vecchio nemico

Mario Balotelli protagonista assoluto nell’ultimo match tra il suo Adana Demirspor e il Besiktas, con la sua doppietta che ha regalato un punto alla formazione di Montella. E l’attaccante ha sfoderato un’esultanza speciale per la rivincita contro un vecchio nemico. E il post su Instagram ha il sapore della vendetta.
A cura di Marco Beltrami
269 CONDIVISIONI

Mario Balotelli ha conquistato la scena in Turchia, non solo per l'eccezionale doppietta che ha permesso al suo Adana Demirspor di pareggiare contro i campioni in carica del Beskitas, ma anche per la sua speciale esultanza dal sapore della rivincita. In occasione del suo bellissimo secondo gol, Supermario si è vendicato nei confronti di un vecchio nemico, dimostrando di avere buona memoria e di non dimenticare chi ha parlato male di lui.

Il bomber italiano in Turchia è alle prese con l'ennesimo esame della sua carriera. L'inizio della sua nuova avventura è stato incoraggiante: dopo il gol contro il Caykur Rizespor, da neoentrato ha permesso all'Adana Demirspor di rimontare e strappare un punto contro il Besiktas, per il 3-3 finale. Balotelli aveva uno stimolo in più, quello di prendersi una rivincita contro il mister avversario Sergen Yalcin. In occasione dell'esultanza per il primo gol segnato, l'ex di Inter e Milan si è avvicinato alla panchina bianconera, ha indicato il tecnico e poi si è portato entrambi gli indici sulle tempie, come a dire "Ecco il mio cervello".

Il motivo di questa rivincita? Balotelli non ha dimenticato quanto accaduto nel 2013. In occasione di un'intervista il mister Sergen Yalcin fu molto duro con l'attaccante italiano, dichiarando "Non ha cervello". Il riferimento è al famigerato errore commesso dall'ex bomber del Manchester City contro i Los Angeles Galaxy, quando invece di segnare si rese protagonista di un tocco lezioso che diventò poi virale sui social. Nel post-partita poi Balotelli ha postato le immagini della particolare celebrazione, con queste parole: "Abbiamo cervello e soprattutto palle e cuore. Un cuore molto grande, e siamo orgogliosi di questo".

269 CONDIVISIONI
Calhanoglu acclamato nello spogliatoio dell'Inter dopo gli insulti: "Hai le palle"
Calhanoglu acclamato nello spogliatoio dell'Inter dopo gli insulti: "Hai le palle"
Il cuore tenero di Conor McGregor: dona soldi per curare una bimba che ha un tumore al cervello
Il cuore tenero di Conor McGregor: dona soldi per curare una bimba che ha un tumore al cervello
I cattivi pensieri di Evra faccia a faccia col nemico: "Lo trovai per strada, era quello il momento"
I cattivi pensieri di Evra faccia a faccia col nemico: "Lo trovai per strada, era quello il momento"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni