Un gol da centravanti puro, perfetto per inserimento ed esecuzione. Una rete lampo segnata da bomber d'area di rigore. Un minuto e cinque secondi, tanto ha impiegato Arturo Vidal per portare in vantaggio il Barcellona contro il Maiorca e indirizzare la partita. È il miglior spot che possa fare per se stesso e per quanti sono disposti a scendere a patti con i blaugrana per assicurarsi il ‘todocampista'. Antonio Conte lo avrebbe voluto (e lo vorrebbe) di nuovo con sé all'Inter dopo l'esperienza alla Juventus. Lui attende solo una chiamata ("il mister sa che sono un vincente e che può fidarsi di me") ma finora l'operazione non è mai decollata perché le parti mai sono riuscite a trovare un punto d'incontro per intavolare la trattativa.

Questione di soldi e di richieste particolari, compresa la volontà da parte dei catalani di sacrificare il cileno pur di arrivare a Lautaro Martinez e non pagare l'intero importo della clausola rescissoria (111 milioni di euro, valida per la prima settimana di luglio). Questione di reticenza assoluta da parte dell'Inter di privarsi di un attaccante come l'argentino e, più ancora, di investire in maniera differente il budget a disposizione soprattutto in questa fase particolare del mercato condizionato dalla pandemia e dalle ricadute economiche.

La strategia messa in cantiere dall'Inter è un'altra e procede in direzione opposta rispetto al feeling e alle buon intenzioni: riportare a Milano Radja Nainggolan (reduce da un'ottima stagione in prestito a Cagliari, ha un contratto fino al 2022) e fare all-in su Sandro Tonali del Brescia per completare il mosaico di centrocampo con Eriksen, Brozovic, Barella e Sensi.

Quante possibilità ci sono di vedere Vidal all'Inter? Al momento pochissime, tutto dipenderà dalla capacità o meno del club di piazzare il belga che ha a bilancio pesa quasi 20 milioni e un ingaggio netto di 4.5 milioni per altre due stagioni da nerazzurro. Dove può andare il ‘ninja'? Piace alla Fiorentina, sempre che la Viola sia disposta a contrattarne il cartellino nell'affare Chiesa. Con la casella vuota a quel punto l'Inter potrebbe tentare in extremis di strappare il calciatore al Barcellona con un'offerta che farebbe leva su due fattori essenzialmente: il malcontento di Vidal e il contratto in scadenza tra un anno. Ma questo, al momento, è solo fantamercato. La realtà è che il club preferisce Nainggolan.