Federico Bernardeschi è stato uno degli ospiti dell'evento organizzato dall'Istituto Lagrange di Milano, con lui c'era anche Filippo Tortu. I due atleti hanno parlato davanti a 400 studenti delle scuole a cui hanno raccontato i veri valori dello sport. Il giocatore juventino, poi, ha parlato anche degli Europei e pure della sua posizione in campo. Sarri lo vede come mezzala.

Bernardeschi e il suo nuovo ruolo

Dopo aver detto di aver apprezzato molto l'evento, promosso dal progetto ‘Nike for School': "Quando vedi ragazzi così giovani che si approcciano al mondo dello sport è un qualcosa di emozionante. Voglio ringraziarli, mi hanno trasmesso tante emozioni”, Bernardeschi ha parlato dei risultati della Juve e del suo ruolo da mezzala:

La Juventus sta crescendo e si vede, i risultati parlano chiaro. Siamo felici e fiduciosi, c'è tanto da fare ancora ma la stagione è molto lunga e siamo a buon punto. Futuro da mezzala? Credo di sì. Ne parlammo con Sarri a inizio anno, per motivi tattici abbiamo rimandato questo esperimento. Ma questo era il nostro progetto iniziale e lo portiamo avanti.

Il grande appuntamento: Euro 2020 con l'Italia

Nelle Qualificazioni il giocatore della Juventus è stato un grande protagonista, schierato quasi sempre titolare da Mancini. Il posto a Euro 2020 lo ha garantito, ma se è certo di essere tra i 23 non è altrettanto certo che Bernardeschi mantenga il posto da titolare, e non solo perché Sarri lo utilizza in un'altra posizione:

Sarà un evento, giocheremo in casa e ci sarà una nazione intera a supportarci. Non vedo l'ora, con Mancini abbiamo creato un grandissimo ambiente e questo fa piacere.

Tortu promuove la Juve di Sarri, ma vuole il trequartista

Presente all'evento anche Filippo Tortu, velocista italiano che si sta preparando per i Giochi Olimpici del 2020 e che è anche un grande tifoso della Juventus, che vorrebbe vedere con il trequartista dietro le due punte:

Se mi piace questa Juve? Sta vincendo, quindi sì. Sono molto cinico, ha vinto 3-0 ed è prima quindi va bene così. Da tifoso non posso che augurarmi il meglio. Sono molto appassionato ma non ne capisco molto di tattica, quindi evito di entrare in discorsi sul gioco. Da tifoso mi piace vedere la Juventus vincere, però posso dire che preferisco il modulo con il trequartista, il 4-3-1-2.