Senza Veretout, Dzeko, Zaniolo, Kumbulla e Ibanez e con Mkhitaryan, Villar e Spinazzola in panchina, Fonseca rivoluziona la Roma e propone una versione inedita contro il Genoa di Ballardini per ottenere una vittoria fondamentale per la classifica. E la missione viene compiuta anche se non in modo brillante. Se non per meriti dei liguri, per la pochezza in attacco dei giallorossi che si accontentano del vantaggio con Mancini per poi addormentare la partita e sfiorare in qualche occasione il raddoppio.

Il Genoa resta in partita per tutto il primo tempo, grazie ad un ritmo impresso dalla Roma non esaltante. I giallorossi non riescono a chiudere il match malgrado abbiano svariate occasioni per arrotondare il vantaggio ottenuto sull'incornata di Mancini direttamente da corner. El Shaarawy, Pedro e Mayoral sprecano un'occasione a testa ed esaltano Marchetti in porta. Dunque, la scelta di Fonseca di proporre una Roma – con tante assenze importanti – senza un reale punto di riferimento in avanti non inguaia la difesa di Ballardini che resta attenta e ordinata. Quando può il Genoa prova la sortita di rimessa, ma la qualità è poca: Destro spesso è inguaiato nella cerniera formata da Mancini e Smalling e Pau Lopez ha poco da fare per 45 minuti.

Fonseca sembra soddisfatto di quanto visto e non cambia né uomini né assetto come Ballardini, costretto al recupero di una partita in cui il Genoa stenta a leggere la chiave corretta per trovare il pareggio. La ripresa diventa un costante controllo della situazione da parte dei padroni di casa che sfiorano il gol prima con Pedro che impegna marchetti, poi con Villar che colpisce il palo e quindi ancora con l'ex Barcellona che di tacco colpisce il palo (anche se in offside).

Il finale non dà altri spunti se non per sottolineare l'inconsistenza del Genoa per tutti i 90 minuti, con i liguri che non sono mai entrati realmente in partita senza approfittare di una Roma col freno a mano tirato e che aveva già testa e gambe al prossimo impegno infrasettimanale di Europa League. Così, dopo il pareggio nel derby, il Grifone si ferma al momento a 27 punti e al 13° posto in classifica.