17 Luglio 2022
17:17

La polizia ha fermato l’allenatore statunitense durante i Mondiali di Atletica: ha diverse denunce

L’allenatore degli Stati Uniti è stato fermato dalla polizia durante i Mondiali di Atletica. Non aveva l’autorizzazione a stare sulla pista durante il riscaldamento poiché su di lui ci sono delle indagini a seguito di diverse denunce ricevute.
A cura di Fabrizio Rinelli

È successo tutto in pochissimi istanti. Giusto il tempo di rendersi conto che Rana Reider, allenatore statunitense di atletica, non poteva essere in quella zona della pista durante lo svolgimento della finale dei 100 metri ai Mondiali 2022 di Atletica. Ed Eugene c'era grande attesa proprio per la sfida degli statunitensi ma a tutti è parso subito inverosimile vedere il coach appostato nella zona riservata al riscaldamento degli atleti. Reider si è affermato come uno dei migliori allenatori di atletica leggera al mondo dopo aver supervisionato il successo di diversi atleti d'élite, tra cui il campione olimpico dei 200 metri Andre de Grasse e il quattro volte campione del mondo di salto triplo Christian Taylor.

Ex dipendente di atletica leggera del Regno Unito, Reider allena gli atleti al Tumbleweed Track Club di Jacksonville, in Florida, dopo aver recentemente trasferito il suo centro di allenamento dai Paesi Bassi. Ma a questi Mondiali proprio non poteva starci. Il motivo? Su di lui è in corso un'indagine per diverse denunce su “abusi e cattiva condotta sessuale” mosse da parte del Centro statunitense SafeSport, che ha costretto successivamente tutti gli atleti sotto la sua guida ad allenarsi altrove con altri allenatori. Il 52enne ha sempre negato qualsiasi illecito tramite il suo avvocato, dicendo che le accuse contro di lui sono "non verificate e non provate". Ma per questa accusa era stato sospeso dalla World Athletics.

A quel tempo, il suo avvocato ha detto che non erano state fatte accuse formali contro Reider. Ma nonostante tutto il velocista britannico Daryll Neita ha dovuto lasciare il gruppo di allenamento di Reider in Florida, mentre Gemili e Laviai Nielsen sono stati rimossi dal programma di classe mondiale di atletica leggera del Regno Unito a dicembre dopo aver scelto invece di rimanere con lui. Un caos generale che ha avuto poi il suo epilogo a pochi minuti dalla gara che si stava per correre nella serata di ieri, durante la finale dei 100 metri maschili.

Reider si è rifiutato di andarsene dopo aver avuto accesso all'evento in modo non regolare. Fino alla fine delle indagini non può prendere parte a questo tipo di manifestazioni. Quando è stato avvicinato dalla sicurezza dell'evento non ha voluto sentire ragioni decidendo di restare ma lo ha fatto dopo che la polizia è stata avvisata. "La sicurezza dell'evento ha scoperto una persona non accreditata nell'area di riscaldamento dell'atleta. Gli è stato chiesto di andarsene e ha rifiutato – si legge nella nota diramata da World Athletics – La polizia è stata immediatamente avvisata e l'ha cacciato via. La polizia l'ha avvisato che qualora fosse tornato l'avrebbe arrestato".

Mollema attaccato da un gabbiano durante i Mondiali di ciclismo: c'era un pesce disegnato sulla tuta
Mollema attaccato da un gabbiano durante i Mondiali di ciclismo: c'era un pesce disegnato sulla tuta
Arrestato il fratello di Pogba insieme ad altre 3 persone: svolta nel caso estorsione
Arrestato il fratello di Pogba insieme ad altre 3 persone: svolta nel caso estorsione
Seedorf non allena da anni, lui sa perché:
Seedorf non allena da anni, lui sa perché: "Il sistema in Italia è razzista, neanche una proposta"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni