Olimpiadi Tokyo 2020
23 Luglio 2021
9:10

Jessica Rossi e Mauro De Filippis insieme a Tokyo, oltre la separazione per prendersi l’oro

Avere una squadra di Trap misto con Jessica Rossi e Mauro De Filippis, sposati e campioni di tiro al volo, è quanto di meglio una squadra nazionale poteva chiedere in vista della gara alle Olimpiadi di Tokyo. Nel maggio scorso Jessica Rossi ha dichiarato di essersi separata dal marito. Da quel momento c’è stata una ridda di voci su come sarebbe stata gestita la coppia in ottica olimpica. I due hanno subito rassicurato tutti con le loro parole e vincendo la tappa di Coppa del mondo di Osijek.
A cura di Jvan Sica
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

Avere una squadra di Trap con Jessica Rossi e Mauro De Filippis da poter schierare insieme è la fortuna che vorrebbero avere tutte le nazioni. Di Jessica Rossi c’è poco da dire, la portabandiera italiana a Tokyo ha sempre avuto come obiettivo nella vita il colpire piattelli. Prima dei 18 anni non aveva il porto d’armi e dovette prenderlo la madre per poterla poi accompagnare al poligono ed esercitarsi. Ma l’esercizio è stato eccezionale, se a soli 17 anni, nel 2009, vince il Campionati italiani (e il Campionato italiano di tiro al volo è una sorta di finale di Coppa del mondo), per aggiungervi subito il bronzo ai Mondiali Monaco di Baviera del 2010. All'Olimpiade di Londra, a 20 anni, si prende l'oro con una gara strepitosa, stampando un record del mondo colossale, 99 piattelli su 100. Da quel momento in poi la carriera di Jessica continua con altri Mondiali e altre grandi vittorie.

Mauro De Filippis ha 12 in più rispetto a Jessica Rossi, è anche lui un campione del trap, argento individuale e oro a squadre ai Mondiali di Lonato nel 2019. Quando Jessica e Mauro si sposano e allo stesso tempo si viene a sapere che nelle prossime Olimpiadi di Tokyo ci sarebbe stata la gara di Trap misto, in Federazione e tutti noi tifosi ci sfreghiamo le mani. L’occasione per una medaglia quasi certa è molto vicina. Jessica Rossi ha avuto una carriera così grande che ha l’onore di essere scelta come portabandiera alle Olimpiadi giapponesi insieme a Elia Viviani, per questo motivo e non altro inizia ad essere intervistata da diversi media e a maggio di quest’anno, intervenendo alla trasmissione radiofonica“Un giorno da pecora”, alla fine di discorsi molto diversi, dice: "Ho qualcosa da dire: io e mio marito Mauro De Filippis ci siamo separati da un anno, ora sono single".

Cade il gelo in trasmissione, perché Jessica lo ha detto quasi fuori contesto, come volesse liberarsi di un peso. Ma cade un macigno sulla testa di tutti coloro che avevano dato già per quasi certa una medaglia a Tokyo. Da quel momento un fluire di voci indistinto. Bisogna trovare una nuova coppia per Tokyo? Chi dei due deve restare in gara nella competizione mista? Potranno mai dimenticare i loro problemi per la sfida olimpica?

E anche se forzati nel gareggiare insieme, saranno performanti? Jessica Rossi, già qualche giorno dopo ha tenuto a precisare: "Io sono una persona discreta e non ne ho parlato per mesi ben sapendo che prima o poi si sarebbe saputo: la nomina a portabandiera ha solo determinato un’accelerazione". Alla domanda se l’idea era di gareggiare ancora in coppia con l’ex marito nel Trap misto a Tokyo, Jessica è stata come sempre determinata: "Non ho mai detto che non avremmo mai più gareggiato insieme: se Mauro sarà al mio fianco, non ci saranno problemi".

Le parole della nostra portabandiera rassicuravano, ma molto di più avrebbe rassicurato la gara in Coppa del Mondo di Osijek. Jessica Rossi e Mauro De Filippis hanno vinto la loro gara di Trap misto. A fine gara, la Rossi ha aggiunto solo un altro elemento al discorso, così da chiuderlo definitivamente: "Ho dimostrato di essere una professionista e ne sono orgogliosa. È una medaglia che certifica che stiamo lavorando nella direzione giusta. Ora una brevissima pausa per ricaricare le batterie e poi di nuovo a testa bassa per lavorare per Tokyo". Non si è portabandiera per caso.

466 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni