La Granfondo "La Fausto Coppi – Le Alpi del Mare" si tinge di tragedia: un ciclista del gruppo sportivo Passatore di Cuneo, Marco Giraudo, è morto mentre affrontava la salita della Madonna del Colletto. Giraudo aveva 41 annie faceva parte dei duemila che si erano presentati alla partenza della prestigiosa gara cuneese, giunta alla 28ª edizione. Gli organizzatori precisano che aveva presentato il tesserino richiesto, il cui rilascio è subordinato a una visita medico-sportiva e si sta ancora indagando sulle cause del malore, forse dovuto all'eccessivo caldo.

La tragedia si è consumata sulla salita della Madonna del Colletto che dista circa una trentina di chilometri all'arrivo. La temperatura, che al via era accettabile, era salita durante la giornata e forse il caldo ha avuto un peso in questo improvviso decesso. Almeno è questa la primissima ricostruzione da parte degli organizzatori che sono rimasti sconvolti da quanto è accaduto quest'oggi. Per soccorrere Giraudo è intervenuto l’elicottero del 118, ma vani sono stati i tentativi di rianimarlo.

Gli organizzatori della competizione hanno però deciso in segno di lutto per la morte di Giraudo di annullare la cerimonia di premiazione. La Fausto Coppi, giunta alla 28aedizione, ha richiamato anche quest'anno oltre duemila atleti e appassionati da ogni parte del mondo. È dedicata al campionissimo, che proprio su uno dei colli previsti dalla Gran Fondo firmò una delle sue epiche imprese. La “versione” più impegnativa, in cui è avvenuta la tragedia, misura 177 chilometri. Quella definita Medio Fondo si cimenta invece su una distanza di 117 chilometri.

Per la cronaca, Andrea Gallo, 27 anni, della società “Pedala Sport Canale” è stato il vincitore della Gran Fondo. La torinese Olga Cappiello, del team “De Rosa Santini” ha trionfato fra le donne. La Medio Fondo (111 km) è stata vinta da Davide Aufiero, 35 anni, della società svizzera Èquipe exploit. Sempre per la Medio Fondo si è classificata prima fra le donne Erica Magnaldi, Team De Rosa Santini.