139 CONDIVISIONI
Grande Fratello Vip 2021/2022
31 Gennaio 2022
9:39

Giovanni Ciacci su Alex Belli: “È un attore e gli attori recitano”

Il costumista e curatore d’immagine senese ha detto la sua sulla condotta di Alex Belli al Grande Fratello Vip.
139 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Grande Fratello Vip 2021/2022

Alex Belli sta monopolizzando l'attenzione in questa sesta edizione del Grande Fratello Vip. Da qui al prossimo futuro non sappiamo cosa ne sarà della carriera del modello e attore, ma siamo certi di poter segnare con una bandierina questa tappa come fondamentale nella sua vita, nel bene e nel male. E in questa chiave di lettura sembra andare la critica di Giovanni Ciacci. L'opinionista televisivo dalle pagine di "Mio" avverte: "È un attore e gli attori recitano sempre". E paragona l'esperienza di Alex Belli a quella di Raz Degan: "Anche lui fece l'Isola dei Famosi tutta a modo suo". 

Le parole di Giovanni Ciacci

Il costumista e curatore d'immagine senese ha detto la sua sulla condotta di Alex Belli al Grande Fratello Vip. Sempre senza peli sulla lingua, Giovanni Ciacci è stato chiarissimo: "È un attore e gli attori recitano sempre. Probabilmente era entrato nella Casa con un copione scritto e ideato da sé e lo ha seguito fino alla fine. Anche Raz De Gan fece L’Isola dei Famosi tutta a modo suo". Lo apprezza però per il suo carattere: "È un bellissimo uomo dal carattere fumantino". 

L'opinione su Katia Ricciarelli

Tra le donne che hanno rubato la scena fino a questo momento c'è anche Katia Ricciarelli. La soprano è stata messa all'indice per alcune uscite infelici e nell'intervista su Mio, Giovanni Ciacci ha anche espresso il parere sul Grande Fratello di Katia Ricciarelli: "Conosco perfettamente la signora Ricciarelli, anche se non la frequento assiduamente. Non è omofoba né razzista. E’ una donna di una certa età che si è formata quando le cose erano diverse". 

C'è di certo che questa edizione del Grande Fratello Vip sta trovando sempre nuovi spunti di discussione, a prescindere da un contesto che non riesce quasi mai a incrociare una grammatica televisiva più alta di una rissa e di una baruffa.

139 CONDIVISIONI
1282 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni