20 Gennaio 2022
8:22

Ricky Gervais rivela l’unica condizione per cui presenterebbe gli Oscar

Ricky Gervais, star di After Life, rivela l’unica condizione a seguito della quale presenterebbe gli Oscar, semmai dovesse essere contattato dall’Academy.
A cura di Ilaria Costabile

Ricky Gervais è uno degli attori più amati di Hollywood, tra i più irriverenti e sferzanti che con i suoi ruoli iconici è riuscito a conquistarsi un posto nell'Olimpo delle star americane. Eppure, nonostante sia prassi quella di invitare alla ben nota cerimonia degli Academy Awards un attore comico, per l'occasione in veste di presentatore, il protagonista di After Life non è mai stato chiamato per ricoprire questo ruolo, ma lui stesso dichiara che qualora lo avessero chiamato, avrebbe accettato ad una sola condizione.

La rivelazione di Ricky Gervais

In realtà l'attore aveva già ricoperto un ruolo simile presentando i Golden Globe, che rappresentano comunque un evento importantissimo per il cinema e per la tv americane. In questo frangente Gervais si è espresso in maniera a dir poco colorita nei confronti dei presenti, con battute al solito pungenti e ben mirate, consigliando ai suoi colleghi di prendere il premio e, in poche parole, "andare a quel paese". Ed ecco, quindi, il perché secondo la star è difficile che lo chiamino ad una cerimonia solenne come quella degli Academy: "Non mi avrebbero mai permesso di fare quello che volevo. Ecco perché i Globes mi hanno preso. Mi dissero che potevo scrivere le mie battute e dire quello che volevo, niente prove. Gli Oscar non l'avrebbero mai fatto. E se gli Oscar lo dicessero, lo farei ma non accadrebbe mai. Sarei stato bloccato a metà discorso".

Ricky Gervais ai Golden Globe 2020, foto Getty Images
Ricky Gervais ai Golden Globe 2020, foto Getty Images

L'attore, infatti, non ha mai nascosto il sarcasmo delle sue battute e nemmeno l'intento di stuzzicare e parodiare coloro a cui sono rivolte, tanto da prendere di mira l'elité hollywoodiana, spiegando: "Le persone che non avevano niente si stancavano di essere ammonite da persone che avevano tutto", aggiungendo che molti ritenessero fuori luogo che personaggi ricchi e diretti ad una premiazione in limousine facessero lezioni morali a chi non ha le loro stesse possibilità. Un'ironia che si rispecchia perfettamente con i personaggi che Gervais porta nei suoi show, come Tony di After Life che, infatti, con il suo sarcasmo e il suo cinismo, mette in evidenza le incongruenze e le ipocrisie delle persone.

SuperNature su Netflix: Ricky Gervais è il vaccino contro la mediocrità dei moralisti da tastiera
SuperNature su Netflix: Ricky Gervais è il vaccino contro la mediocrità dei moralisti da tastiera
Ricky Gervais accusato di transfobia per lo show SuperNature si difende:
Ricky Gervais accusato di transfobia per lo show SuperNature si difende: "Un comico è contro i tabù"
Ricky Gervais prende in giro chi definisce l'alopecia di Jada Pinkett Smith una disabilità
Ricky Gervais prende in giro chi definisce l'alopecia di Jada Pinkett Smith una disabilità
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni