125 CONDIVISIONI
Festival di Sanremo 2024

Ghali sull’ambasciatore israeliano contro Sanremo: “Dispiaciuto, così continua la politica del terrore”

Ospite di Domenica In, Ghali ha commentato le parole dell’ambasciatore isreaeliano Alon Bar, che si è detto contrario nell’usare il palco dell’Ariston per lanciare messaggi contro il genocidio. “E per cosa dovrei usarlo? Le sue parole non vanno bene, alimentano la politica del terrore”, ha detto l’artista.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Elisabetta Murina
125 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2024

Ghali commenta le parole di Alon Bar, ambasciatore israeliano a Roma, che si è espresso riguardo ai messaggi contro il genocidio portati al Festival di Sanremo 2024 (pur senza fare espressamente il nome dell'artista). "Ritengo vergognoso che il palco del Festival di Sanremo sia stato sfruttato per diffondere odio e provocazioni in modo superficiale e irresponsabile", ha scritto su X. Ospite di Domenica In, l'artista in gara ha commentato le sue parole.

Ghali risponde all'ambasciatore israeliano

Tra coloro che hanno portato importanti messaggio politici sul palco dell'Ariston, oltre a Dargen D'Amico con la sua Onda Alta, c'è Ghali con il brano Casa mia. Durante la serata finale, al termine della sua performance, l'artista ha riferito quando gli ha detto all'orecchio l'alieno Rich Ciolino: "Stop al genocidio". Il momento è stato prima rimosso da RaiPlay, poi regolarmente integrato.

Le sue parole non sono passate inosservata all'ambasciatore israeliano a Roma, che si è detto contrario nell'usare il palco dell'Ariston per trasmettere certi messaggi, anche se non ha espressamente citato l'artista. "Mi dispiace che abbia risposto in questo modo, ci sono tante cose da dire, proprio queste. E per cosa lo devo usare? Io sono un musicista ancora prima di essere su questo palco", ha commentato Ghali a proposito, ospite di Domenica In- Speciale Sanremo con Mara Venier. Poi ha continuato:

Ho sempre parlato di questo fin da quando sono bambino, non è dal 7 ottobre e internet può documentare. Questa cosa va avanti già da un pò. La gente ha sempre più paura di dire ‘stop alla guerra e stop al genocidio' e il fatto che lui dica così non va bene, continua questa politica del terrore. Le persone sentono che vanno a perdere qualcosa se dicono ‘viva la pace' e non deve succedere. L'Italia porta valori completamente opposti. Ci sono dei bambini di mezzo. 

125 CONDIVISIONI
758 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views