63 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Eurovision Song Contest 2024

Eurovision 2024, perché Israele minaccia di non partecipare con la canzone in memoria del 7 ottobre

Continuano le polemiche sulla partecipazione di Israele all’Eurovision 2024. Il brano “October Rain”, portato in gara dalla cantante Eden Golan, che racconta l’attacco di Hamas del 7 ottobre, potrebbe essere contestato dall’organizzazione della kermesse. Se così fosse, però, lo stato israeliano ha dichiarato che non parteciperà.
A cura di Ilaria Costabile
63 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Da quando sono stati annunciati i partecipanti alla prossima edizione di Eurovision, che si terrà a maggio a Malmö, non sono mancate polemiche in merito alla partecipazione di Israele alla kermesse canora, a seguito del conflitto che si sta consumando lungo la Striscia di Gaza. Le proteste finora avanzate non hanno portato ad una decisione netta, come accadde per la Russia nel 2022, esclusa dalla competizione, ma adesso è Israele a far sapere che qualora la canzone portata in gara non dovesse essere accettata, saranno loro a ritirarsi. Il brano potrebbe essere ritenuto troppo politico e, per questa ragione, potrebbe non essere accolto dall'organizzazione dello show.

Il testo della canzone di Israele sottoposto ad esame

A salire sul palco dell'Eurovision il prossimo maggio, in rappresentanza di Israele, sarà Eden Golan che porterà in gara la sua canzone "October Rain". Si tratta di un brano in cui si parla dell'attacco di Hamas dello scorso 7 ottobre, consumatosi a sud di Israele, che ha procurato migliaia e migliaia di vittime. Il conflitto è ancora in corso, ragion per cui, già la partecipazione dello stato israeliano alla kermesse aveva sollevato non poche polemiche, a questo si aggiunge il fatto che la canzone potrebbe avere una chiara connotazione politica, elemento che da sempre è stato rigettato dall'organizzazione dell'Eurovision. Il brano di Golan, in inglese, contiene solo alcune parole in ebraico e attualmente l'Unione Europea di radiodiffusione ha dichiarato di essere in fase di esame del testo e di non aver ancora preso una decisione, aggiungendo: "Se una canzone è ritenuta inaccettabile per qualsiasi motivo, le emittenti hanno la possibilità di presentare una nuova canzone o un nuovo testo, come previsto dalle regole del Concorso".

Israele annuncia il ritiro qualora il brano non fosse accettato

A questo proposito, anche la posizione della Israele Broadcasting Corporation è piuttosto chiara. "Non c'è alcuna intenzione di sostituire la canzone. Se non verrà approvata dall'Unione europea di radiodiffusione, Israele non potrà partecipare alla competizione" hanno fatto sapere. Secondo il Ministro della cultura israeliano, Miki Zohar, l'idea che il brano possa essere rigettato o non ritenuto idoneo alla partecipazione è "scandalosa" e inoltre, inoltre ha aggiunto nello stesso post pubblicato su X: "È una canzone commovente che esprime i sentimenti della gente e del Paese in questi giorni, e non è politica". 

Eden Golan, la cantante israeliana in gara ad Eurovision 2024 ha cittadinanza russa

A rendere ancora più particolare il caso, già delicato, della partecipazione all'Eurovision 2024 di Israele, è il fatto che la cantante in gara è un'artista, ventenne, di cittadinanza russa. La giovane, infatti, è cresciuta in Russia ed è risultata vincitrice del concorso nazionale che elegge il partecipante alla gara europea. Nel 2022, l'organizzazione dell'Eurovision, aveva preso immediatamente la decisione di escludere la Russia dall'evento che, quell'anno, si tenne a Torino. In quell'occasione, si ritenne che la presenza di artisti russi, a seguito dell'invasione dell'Ucraina da parte di Putin, avrebbe potuto portare discredito allo show. La domanda sul perché, quindi, non sia stata adottata la stessa ratio nella partecipazione di Israele quest'anno, è piuttosto frequente; la risposta di EBU, l'organizzazione, è stata piuttosto chiarificatrice in merito: "EBU è un'organizzazione apolitica e una competizione tra servizi pubblici televisivi che sono membri dell'organizzazione. Non si tratta di una gara tra governi". 

63 CONDIVISIONI
13 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views