Una ragazzina di 14 anni si è aggiunta al lungo elenco di turisti che, non riuscendo a resistere alla tentazione di voler lasciare il segno del proprio passaggio in uno dei monumenti più famosi al mondo, incidono il proprio nome sulle sue pietre, compromettendolo inevitabilmente. È accaduto nel pomeriggio di ieri al Colosseo, a Roma: una giovane turista tedesca ha inciso l'iniziale del suo nome su un pilastro dell'Anfiteatro Flavio. Il suo gesto non è passato inosservato: gli addetti alla sorveglianza del monumento, che purtroppo hanno spesso a che fare con episodi simili, se ne sono accorti e hanno segnalato il tutto a una pattuglia dei carabinieri.

I militari dell'Arma hanno bloccato la ragazzina e hanno ricostruito quanto avvenuto. La giovane aveva inciso l'iniziale del suo nome, una "E", su un pilastro al piano terra del Colosseo. Messa di fronte al fatto compiuto, la giovane non ha potuto che confermare: la sua voglia (sbagliata) di lasciare un segno del suo passaggio sulla Storia le è costata una denuncia per danneggiamento aggravato. Dopo gli accertamenti di rito e la denuncia, la ragazzina è stata poi riaffidata ai genitori, con cui si trovava in visita nella Capitale.

In passato qualcuno ha inciso i nomi di moglie e figlia

Non è purtroppo la prima volta che accade un episodio del genere. Anzi, nel caso della 14enne c'è da dire che la giovane si è "limitata" a incidere solo l'iniziale del proprio nome. Tra coloro che, forse senza neanche capirlo, sfregiano inevitabilmente un incredibile monumento dell'antica Roma, c'è stato in passato anche chi ha inciso il nome della moglie e della figlia: è successo nel 2017 e il protagonista è stato un turista ecuadoregno di 55 anni, anch'egli poi denunciato per danneggiamento aggravato su edifici d’interesse storico e artistico.