Un uomo di 46 anni è stato arrestato dagli agenti di Polizia di Stato con l'accusa di tentata rapina e oltraggio a pubblico ufficiale. L'episodio è avvenuto ieri pomeriggio verso le 17 nella chiesa di S.Giovanni Maria Vianney nel quartiere della Borghesiana, a Roma. L'uomo era entrato nella parrocchia, dove ha tentato di sradicare il crocifisso: visto dal parroco, intervenuto per fermarlo, ha iniziato ad aggredirlo colpendolo al volto con dei pugni e spingendolo. Il 46enne ha quasi fatto cadere il religioso che alla fine, aiutato da un collaboratore, è riuscito a bloccare l'uomo e a condurlo verso l'uscita. Che però continuava a scalciare e a prendere a calci la porta.

Cerca di staccare crocifisso e aggredisce agenti, arrestato

Sul posto sono arrivati anche gli agenti di polizia della sezione Volanti. Quando l'uomo li ha visti non ha smesso di insultare il parroco, anzi: si è scagliato pure contro i poliziotti, minacciandoli di morte. Poi è passato alle vie di fatto e si è lanciato contro di loro per picchiarli. Nella colluttazione, ha tentato anche di sfilare la pistola d'ordinanza a uno degli agenti, che però se ne è accorto ed è riuscito a bloccarlo prima che riuscisse a tirare fuori la pistola. Un gesto molto pericoloso: il 46enne, infatti, era palesemente alterato, il suo comportamento non aveva nulla di razionale. Se fosse riuscito a sfilare l'arma, avrebbe potuto usarla e il pomeriggio sarebbe finito in tragedia. È stato però bloccato e fortunatamente il peggio non è avvenuto. Messo nell'auto di servizio, ha continuato a urlare e dimenarsi, dopodiché è stato arrestato per tentata rapina e oltraggio a pubblico ufficiale.