Una studentessa del liceo Azzarita è risultata positiva al coronavirus. Trenta studenti che sono entrati in contatto con lei sono stati messi in isolamento domiciliare in attesa del tampone, che sarà effettuato domenica. Le condizioni della giovane, che sarebbe asintomatica, non desterebbero preoccupazione. Le autorità sanitarie hanno attivato il contact tracing per individuare i contatti della giovane, oltre ai compagni di classe che sono stati immediatamente messi in quarantena. La situazione, come negli altri casi che si sono verificati in scuole e asili della capitale, sarebbe sotto controllo.

Due bimbi del nido positivi al coronavirus

Quello al liceo Azzarita non è l'unico caso di coronavirus riscontrato dopo nemmeno una settimana dall'inizio delle scuole. Nella giornata di ieri, due bimbi appartenenti a due diverse scuole d'infanzia nella capitale sono risultati positivi al covid. Il primo è stato individuato a Centocelle: si tratta di un piccolo dell'asilo Guattarì. L'intera classe è stata messa in isolamento e la scuola chiusa in via precauzionale per due giorni. Il secondo caso riguarda invece una bambina del nido comunale di Canepina, in provincia di Viterbo. Anche in questo caso, il nido è stato temporaneamente chiuso per la sanificazione e gli alunni sono a casa.

Al via task force sulle scuole

Nella giornata di ieri sono 10mila i tamponi effettuati nel Lazio, 181 invece i positivi riscontrati. Due, invece, i decessi. Secondo quanto dichiarato dall'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato, il valore RT nel Lazio è 0.54 e una ‘valutazione di bassa diffusione'. È stato inoltre effettuato ieri in Regione un incontro con il professor Crisanti per istituire una task force sulle scuole.