Un uomo di 48 anni è stato arrestato dai carabinieri della Stazione Roma Cinecittà con l'accusa di maltrattamenti in famiglia ed estorsione. Vittima della violenza dell'uomo, l'anziana madre di 75 anni. Originaria della provincia de L'Aquila, viveva da diverso tempo a Roma con il figlio, che da tempo la maltrattava. A chiamare i militari è stata propria la donna, stanca di subire le sue angherie. L'ennesima discussione era scoppiata perché il 48enne le aveva nuovamente chiesto dei soldi, dando in escandescenze non appena lei si era rifiutata di consegnargli il denaro. Non sopportando di essere stato contraddetto, l'ha colpita con diversi pugni al braccio, facendole molto male. Ed è a quel punto che la donna ha deciso di chiamare i carabinieri e denunciare il figlio.

Quando i militari sono arrivati sul posto hanno bloccato l'uomo e lo hanno arrestato. Il 48enne è stato portato in carcere a Rieti, dove adesso deve rispondere delle accuse di maltrattamenti in famiglia ed estorsione. La donna ha rifiutato di essere portata in ospedale, negando di aver bisogno di cure mediche. Ha dichiarato che gli episodi di violenza si susseguivano ormai da diverso tempo ma di non aver mai denunciato per paura. Una condizione molto simile a quella di tanti genitori, che spesso non denunciano i figli sia per evitargli guai con la giustizia, sia per il terrore di ritorsioni. Spesso le richieste di soldi avvengono per soddisfare le proprie dipendenze da droga e alcol, e quando i genitori non danno il denaro vengono picchiati dal figlio violento. Una condizione comune a tantissime persone, che non sanno spesso a chi rivolgersi per chiedere aiuto.