Hanno aggredito sei coetanei prendendoli a calci e a pugni e gli hanno spruzzato addosso spray urticante al peperoncino per derubarli di catenine d'oro e borse. Tre i giovani feriti finiti in ospedale. I carabinieri della Compagnia di Frascati hanno arrestato quattro ragazzi, di età compresa tra i quindici e i diciotto anni, ritenuti responsabili di aver aggredito e rapinato nella notte dei giovani. I fatti sono accaduti il fine settimana scorso, tra sabato 19 e domenica 20 settembre. Gli autori delle aggressioni muovendosi in branco, hanno creato scompiglio tra i coetanei del posto ed è stato possibile risalire a loro grazie all'intervento dei militari, che hanno intensificato i controlli sul territorio di Frascati durante le serate della movida. Nello specifico i responsabili sono due diciottenni incensurati residenti nel Comune di Santa Palomba, un sedicenne della Romanina con precedenti e un quindicenne di Ciampino, già noto alle forze dell'ordine.

Quattro ragazzi arrestati per i pestaggi di Frascati

I quattro ragazzi hanno messo in atto i pestaggi in branco, sicuri di farsi forza l'uno con l'altro e di non essere scoperti. Ma i militari sono risaliti alla loro identità, nonostante si siano dati alla fuga subito dopo l'accaduto. Grazie alle indagini e alle testimonianze delle persone presenti al momento dell'accaduto, li hanno identificati e arrestati con l'accusa di rapina in concorso e lesioni personali. I ragazzi maggiorenni sono stati portati in carcere a Rebibbia, mentre i minorenni nel Centro di Prima Accoglienza di via Virginia Agnelli.

Picchiati dal branco a Frascati, in tre finiti in ospedale

A seguito delle aggressioni subite da parte dei sei ragazzi a Frascati in tre sono finiti in ospedale a causa delle percosse ricevute. Il ragazzo più grave è un diciottenne di nazionalità ucraina, al quale i medici hanno diagnosticato la frattura del naso. Un secondo giovane finito in ospedale, uno studente romano, ha riportato un trauma cranico con una settimana di prognosi. Sette giorni sono stati refertati anche ad un altro studente di diciotto anni, aggredito e raggiunto agli occhi con lo spray urticante.

.