16.405 CONDIVISIONI
22 Novembre 2020
9:34

Dodicenne massacrato di botte durante la ricreazione dai compagni di scuola

I carabinieri indagano per un episodio di bullismo sfociato in aggressione di cui vittima è un bambino di dodici anni, massacrato di botte durante la ricreazione dai compagni di scuola, che lo hanno accerchiato in bagno. Lo studente ha riportato un labro spaccato e due costole fratturate e ha avuto bisogno di cure mediche.
A cura di Alessia Rabbai
16.405 CONDIVISIONI

Massacrato di botte in bagno dai compagni di scuola. Vittima di bullismo sfociato in aggressione un bambino di dodici anni, preso di mira e picchiato durante la ricreazione, fino a finire in ospedale con un labbro spaccato, due costole fratturate e lividi su diverse parti del corpo. L'episodio di violeza che ha come protagonisti dei giovanissimi è accaduto lo scorso giovedì 19 novembre nella scuola di Sassa. Il bambino al momento in cui sono accaduti i fatti si trovava al bagno durante l'orario di ricreazione, quando è stato preso di mira da un gruppo di coetanei, probabilmente tre o quattro, che, senza alcun motivo, lo hanno accerchiato, per poi aggredirlo, prendendolo a spintoni e poi picchiandolo con calci e pugni. Dopo averlo pestato i bambini lo hanno lasciato sul pavimento e se ne sono andati. Il bambino è stato portato al pronto soccorso, dove ha ricevuto le cure necessarie ed è stato sottoposto agli esami. I genitori si sono presentati alla caserma dei carabinieri di Subiaco e hanno sporto denuncia. Anche la drigente scolastica sta svolgendo degli accertamenti interni all'istituto.

I sindaci della Valle del Giovenzano: "Agli adulti spetta il compito di educatori"

Appresa la notizia, la comunità è rimasta scossa per l'accaduto. Sull'episodio sono intervenuti i sindaci dell’Unione dei Comuni Valle del Giovenzano: "Esprimiamo la nostra vicinanza al ragazzo vittima della violenza e alla sua famiglia. Il nostro augurio è che il giovane si rimetta presto e che, con l’aiuto di tutta la comunità allargata che gravita attorno alla scuola, possa ritornare a vivere con fiducia e serenità il rapporto con il prossimo – si legge in una nota congiunta che racconta l'accaduto – La questione, al di là del singolo episodio, riguarda, a nostro avviso, un progetto educativo che deve coinvolgere tutti gli adulti del nostro territorio che, come genitori, zii e nonni, devono sentirsi in dovere di far assumere apertamente ai minori le loro responsabilità senza difenderli sempre e a ogni costo. Noi aborriamo con forza il linciaggio dei colpevoli ma pretendiamo che gli adulti svolgano il proprio dovere sociale di educatori".

16.405 CONDIVISIONI
Un'altra condanna per la banda dei fratelli Bianchi: ragazzo massacrato di botte per 20 euro
Un'altra condanna per la banda dei fratelli Bianchi: ragazzo massacrato di botte per 20 euro
Ostia, anziana non accetta la fine della relazione e accoltella il compagno 81enne
Ostia, anziana non accetta la fine della relazione e accoltella il compagno 81enne
Donna uccisa a coltellate sul balcone di casa a Roma: arrestato il compagno
Donna uccisa a coltellate sul balcone di casa a Roma: arrestato il compagno
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni