Un nuovo piano di investimenti in ambito cimiteriale, con un budget da 55 milioni di euro. Ad annunciarlo Ama S.p.A., la società che gestisce la raccolta, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, i servizi cimiteriali e il mantenimento del decoro urbano della Capitale. Il piano pluriennale 2021-2024 sarà presentato entro maggio con il ‘Piano Strategico Operativo 2021'. Tra gli interventi che la società ha messo nero su bianco quello di ristrutturazione delle architetture già esistenti, di potenziare le strutture operative, primi fra tutti quelli che riguardano la cremazione. Ricordiamo che Roma Capitale attualmente per cremare i propri defunti ha a disposizione un solo forno, quello del cimitero Flaminio-Prima Porta, che non riesce a soddisfare la richiesta. In programma non ci sono solo interventi strutturali ma anche il rafforzamento e l'ampliamento dell'organico. A breve infatti è prevista l'assunzione di cinque persone per ricoprire ruoli amministrativi si concluderà l’iter di selezione per venti nuovi operatori assunti nell’ambito del nuovo piano assunzioni approvato dall’assemblea capitolina lo scorso 2 aprile.

Le criticità nei cimiteri di Roma

Cittadini, associazioni del territorio e sindacati hanno criticato Ama, per la situazione in cui versano i cimiteri romani. Un generale stato d'incuria, tra lapidi rotte, escrementi di animali e vegetazione che ricopre le tombe sono solo alcune delle segnalazioni. Fanpage.it ha inoltre raccontato in vari servizi il sovraffollamento di bare, centinaia in attesa di cremazione, stipate nei depositi. Alla denunce di decine di cittadini, che attendono da mesi la sepoltura delle spoglie dei propri cari defunti, si sono uniti anche personaggi del mondo dello spettacolo e della politica, come la giornalista e conduttrice tv Barbara Palombelli e Andrea Romano. Dopo il tweet del deputato Pd sulla vicenda è intervenuta la sindaca Virginia Raggi che ha detto di aver convocato un incontro con Ama e ha definito la situazione dei cimiteri "ingiustificabile".