Tragedia a Bomarzo, paese in provincia di Viterbo, dove questa mattina è stato ritrovato il cadavere di un uomo dentro un laghetto in mezzo alla campagna, sulla provinciale all'altezza del bivio per Mugnano. A ritrovare il corpo del 78enne sono stati i familiari che hanno subito allertato i carabinieri. Le forze dell'ordine hanno richiesto l'intervento del nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco, mentre sul posto sono giunti anche i sanitari del 118. I pompieri hanno trovato il cadavere dell'uomo dentro le acque del lago, alte circa 40 centimetri, poco distante dalla strada. I sommozzatori hanno setacciato il fondo dello specchio d'acqua nel tentativo di trovare eventuali oggetti personali che l'anziano potrebbe aver perso cadendo in acqua.

Possibile morte per cause naturali

Secondo le prime ricostruzioni fatte dalle autorità, l'anziano si sarebbe allontanato ieri sera dalla sua abitazione senza portare con sé il cellulare, per recarsi al lago, in disuso dopo essere stato in passato utilizzato per la pesca sportiva, che sfruttava come fonte d'acqua per il suo orto . Sebbene siano ancora da accertare le cause del decesso, non si esclude la possibilità che la morte dell'uomo sia sopraggiunta per cause naturali, stroncato da un malore poco dopo essere arrivato sul posto.

Questa mattina, avendo scoperto che l'uomo non aveva fatto ritorno a casa dopo essere uscito, i familiari si sono subito allarmati mettendosi a cercarlo. Ipotizzando che potesse essersi recato presso il lago di sua proprietà, si sono recati lì facendo la drammatica scoperta. Il cugino del defunto ha così chiamato immediatamente i carabinieri, che hanno poi svolto tutti i rilievi del caso.